WILCO
Star Wars

[dBpm /Anti - 2015]
7
 
Genere: alt-country, alt-rock
 
4 Agosto 2015
 

In una banale e torrida mattina di luglio, anticamera di quelle giornate dure a scorrere in cui le ore e i minuti sembrano rallentare come a soffrire il caldo asfissiante, i Wilco intuiscono le nostre sofferenze e decidono di regalarci a sopresa e a costo zero il nuovo disco. “Star Wars” piomba dal nulla nelle nostre cartelle di mp3, in download gratuito per un periodo limitato, mentre l’uscita in formato fisico è prevista per fine agosto. Sui social si diffonde velocemente la notizia, l’entusiasmo è palpabile anche se, a fronte dei primi entusiasmi, solo poche ore dopo crolla uno strano silenzio interpretabile come indifferenza. Decido di interrompere il mio digiuno di nuovi ascolti, favorito probabilmente da una saturazione maturata negli ultimi mesi e dopo un primo passaggio nelle mie casse del disco non mi resta quasi niente.

Ai Wilco si deve però concedere sempre una seconda possibilità, eventualmente anche una terza, una quarta e così via; dopo qualche giorno inizio a macinare ascolti e le prime avvisaglie di indifferenza sono spazzate via pur non fugando tutte le perplessità. Il primo punto da chiarire è che “Star Wars” suona come un disco dei Wilco pur prendendo le distanze da tutti i lavori della band di Chicago. Lontani dalla semplicità alt-country degli esordi e dalle deviazioni più sperimentali di alcuni passaggi dei capolavori “Yankee Hotel Foxtrot” e “A Ghost Is Born”, i brani respirano chitarre distorte ma con uno stretto legame alla forma canzone e alle melodie. La mezz’ora abbondante per la dozzina di pezzi in scaletta ci regala una band mai così concreta ed efficace come oggi, capace di scrivere un disco che scorre piacevolmente nonostante le prime reticenze dovute all’ascolto distratto.

Di contro, la linearità stilistica porta in dote una certa parsimonia di pennellate d’autore a cui ci hanno da sempre abituato; solo tre brani, soprattutto “You Satellite” e in tono minore “Where Do I Begin” e “Magnetized”, provano a stringere il cuore come ci si aspetterebbe. Forse questo ha frenato gli entusiasmi per un disco stilisticamente impeccabile che cerca una strada diversa seppur coerente fino in fondo a quelli che sono sempre stati i Wilco. Se una band esordiente riuscisse a mettere in fila anche solo la metà dei brani di “Star Wars” si griderebbe al capolavoro, però per Tweedy e soci questo è solo un compito ben fatto, di ottima calligrafia e di ispirazione più che sufficiente. La nuova(?) strada intrapresa sembra quella giusta, i Wilco non riescono proprio a deludere.

Photo: Zoran Hires

Tracklist
1. EKG
2. More…
3. Random Name Generator
4. The Joke Explained
5. You Satellite
6. Taste the Ceiling
7. Pickled Ginger
8. Where Do I Begin
9. Cold Slope
10. King of you
11. Magnetized
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Pale Blue Eyes – Souvenirs

Album di debutto per i Pale Blue Eyes band composta da tre elementi, i coniugi Matt e Lucy Board e il bassista Audrey Simpson, ragazzi che ...

Ozzy Osbourne – Patient ...

A fine febbraio 2020 – quindi pochissime settimane prima dell’inizio della pandemia, dei lockdown e delle varie sciagure che hanno ...

Pencey Sloe – Neglect

È un album tutto incentrato sul tema dell’identità quello che ci regalano i Pencey Sloe, band francese nata pochissimi anni fa ma già ...

Death Cab For Cutie – Asphalt ...

La pandemia ha rischiato di mettere in seria difficoltà i Death Cab For Cutie: Ben Gibbard, Nicholas Harmer, Jason McGerr, Dave Depper e ...

Recent Comments