MAC DEMARCO
Another One

[Captured Tracks - 2015]
7.5
 
Genere: Indie, garage pop
 
10 Agosto 2015
 

Incredibile colpo estivo quello arrivato in una rovente e scottante estate 2015. Colpo inaspettato ma che dimostra la prolificità, la capacità di scrivere senza mai sbagliare un colpo. Per questo e altro posso solo dire che è difficile non essere fan di Mac Demarco che con la semplicità di chi dal garage concept ci mette di fronte a canzoni scanzonate, sognanti, sfuggevoli che si caricano di contenuti proprio perchè di semplice approccio. Trattare il pop come la tua ragazza o il tuo cane non è da tutti. Mac DeMarco lo fa con una classe, con un estro raro, introvabile e soprattutto singolare. Ed è qui che si trova il mini-album “Another One”, incastonato in una pietra di quelle che passeggiando al mare subito ti risalta all’occhio sensibile perso nel tramonto e nella fierezza del momento. E quindi ci ritroviamo con immenso piacere otto tracce riflessive, otto canzoni d’amore, così definite dall’autore. Un amore bittersweet, andato via, ritornato, irrealizzato, eterno e soprattutto con una buona dose di ironia che deve pur sempre esserci.

“Another One”, registrato interamente da solo durante una pausa del tour di “Salad Days”, sembra uscire da una costola del superiuscito appunto “Salad Days” e ne troviamo gli accenti in “The Way you’d love her”e i tratti in “No Other Heart”. Ma riesce anche leggermente a distaccarsi soprattutto perchè la ricerca compositiva in “Another One” è frutta di sessioni di piano e tastiere. Lo stesso DeMarco si è divertito a spiegare il piacere che ha avuto nel perdersi nelle sequenze di piano che ha scritto. Ha trovato similarità e affinità con le sequenze piano scritte in passato da John Lennon. Inoltre il disco presenta una lavoro chitarristico bello e particolare addirittura nei tentativi di solo in stile Robbie Robertson, vero mito e chitarrista storico dei The Band. Questo dimostra e accresce le qualità e soprattutto la grande cultura musicale del giovane chitarrista canadese.

Oltre i pezzi già citati è giusto menzionare altre tre perle presenti in questo pregevole mini-disco, uno di quei dischi che vorresti subito, con una copertina affascinante tra l’altro: La ballad “Another One” la Damonalbarniana  “A Heart Like Hers”, e la Wilchiana “I’ve been waiting for her”.

Un bel disco scritto a marzo ma da sfruttare perchè uscito in piena estate per l’estate da provare in auto con il vento che ci dà dentro, con il mondo e tutto il resto da lasciare alle spalle oppure a due passi dal mare svuotandosi totalmente lasciandosi trasportare dalle melodie e tutta la sensibilità che ne è uscita fuori. Vienici a trovare presto Mac

Tracklist
1. The Way You'd Love Her
2. Another One
3. No Other Heart
4. Just Put Me Down
5. A Heart Like Hers
6. I've Been Waiting For Her
7. Without Me
8. My House by the Water
 
 

bdrmm – Bedroom

Facile salire adesso sul carro dei vincitori. Facile osannare questi ragazzi stanziati in zona Hull/Leeds e definirli “nuovi eroi ...

Gum Country – Somewhere

Tanto nostalgico quanto piacevole. Courtney Garvin (che conosciamo per essere nei The Courtneys) e Connor Mayer ci conducono nel loro mondo ...

Arca – KiCk i

“KiCk i” è un calcio a sorpresa alla bocca dello stomaco che ti costringe a spalancare gli occhi e a guardare. Arca esiste, guardala. ...

Le voci di Gero – Il colore ...

Un disco impegnativo quello di Le voci di Gero, nome in codice di Andrea Aloisi, cantautore milanese con le idee chiare e i piedi ben ...

Altrove – Bolle

Ho seguito da vicino la lavorazione di quella miscela odorosa e raffinata che è “Bolle” sin dall’apertura dei cantieri, ...