TAME IMPALA
Currents

[ Interscope - 2015 ]
8
 
Genere: psych-pop
 
14 Settembre 2015
 

Si scrive Tame Impala, si legge Kevin Parker, unica mente solitaria in sala di registrazione che diventa band sui palchi internazionali. Ora, dopo “Lonerism” (2012) che l’ha portato dai suburbia di Perth in Australia all’headline del Coachella 2015, esce il terzo album “Currents” e non teme comparazioni con i precedenti. In mezzo, questo momento di ispirazione (N.B. storia vera): Parker, notte fonda, funghetti allucinogeni, la radio della macchina passa “Staying Alive” dei Bee Gees e lui rimane impressionato dall’impatto emozionale e malinconico (!?) del brano in questione; come mai prima. Credo funzioni solo sotto effetto di stupefacenti, a me “Staying Alive” fa ancora ridere (con tutto il rispetto).

Questo per dire che l’ultimo album dei Tame Impala si sposta in zona disco 70s e sperimenta suoni più sintentici, che pure non mancavano nei lavori precedenti. Meno Beach Boys+John Lennon revisited (ma ancora molto), meno chitarra, un po’ più MGMT ed electropop. “Past Life”, per citarne una, non sfigurerebbe in “Random Access Memories” dei Daft Punk. In questo modo, “Currents” conferma quella specifica e paradossale dote dei Tame Impala di suonare come qualsiasi band psych-rock abbiate ascoltato prima e al contempo come qualsiasi cosa ascolterete in futuro. Un mix-up di passato e presente orientato al pop e più convincente di tanti altri revival.

La musica del producer/gruppo australiano ha sempre cercato una certa qualità visionaria – diciamo pure allucinatoria – di fuga dal reale. In “Currents” però, superata l’apertura magniloquente con “Let It Happen”, le tracce inseguono il trip senza la concitazione onirica caratterista di “Be Above It” o “Elephant” all’interno di “Lonerism”. In brani come “Yes I’m Changing”, “New Person, Same Old Mistakes” o “The Less I Know The Better”, le percussioni e i giri di basso si ripetono circolarmente cauti e regolari fino a creare la senzazione di un respiro stabile e fiducioso. I testi alludono non tanto a una rottura, quanto al distanziamento che ne segue, una volta accettato serenamente: senza di te, “lo so che sarò più felice, e so che lo sarai anche tu”, canta Parker in “Eventually”. In un’intervista ha dichiarato che il significato dell’album è qualcosa del genere: trovarsi in un punto perché è lì che ti hanno portato le correnti “dentro di te” – vedi funghetti, paragrafo uno – non è detto che sia meglio o sia peggio, è solo differente.

Nonostante l’aspetto rilassato e un po’ fricchettone da “Jesus Christ Superstar”, Parker è noto per essere un perfezionista al limite dell’ossessivo-compulsivo. Niente in “Currents” è lì a caso ma è probabilmente il prodotto di un instancabile labor limae compositivo. Che ha dato i suoi frutti in 51 minuti ipnotici e perfettamente coerenti, fra i migliori che ascolteremo quest’anno.

Credit Foto: Matt Sav

Tracklist
1. Let It Happen
2. Nangs
3. The Moment
4.Yes I’m Changing
5. Eventually
6. Gossip
7. The Less I Know The Better
8. Past Life
9. Disciples
10. ‘Cause I’m A Man
11. Reality In Motion
12. Love / Paranoia
13. New Person, Same Old Mistakes
 
 

Altrove – Bolle

Ho seguito da vicino la lavorazione di quella miscela odorosa e raffinata che è “Bolle” sin dall’apertura dei cantieri, ...

Nic Cester – Live Across ...

Nic Cester, australiano di nascita e milanese d’adozione, ama molto l’Italia. Un affetto sincero e non di circostanza che traspare ...

Westerman – Your Hero Is Not ...

A due anni di distanza dal suo “Ark ep” del 2018, Will Westerman confeziona dodici fluttuanti tracce dalle livree dense di ...

Kidbug – Kidbug

Una storia d’amore può anche essere l’occasione per formare una band. Marina Tadic la conosciamo per il suo lavoro negli Eerie ...

Zoon – Bleached Wavves

BOOM! Che disco signori e signore. Daniel Monkman è un talento che abbiamo imparato a conoscere nel corso di questi mesi, con le prime ...