STEREOPHONICS
Keep The Village Alive

[ Stylus - 2015 ]
5
 
Genere: Rock, Alternative Rock, Indie Rock
 
2 Novembre 2015
 

“Keep the Village Alive” è il nono lavoro degli Stereophonics, gruppo rock gallese estremamente prolifico, tanto da far uscire un album ogni due anni circa. Un gruppo che ha cambiato spesso i suoi componenti, con l’eccezione fatta per Kelly Jones e Richard Jones, ma mantenendo inalterati, anche troppo, stile, musicalità, approccio. Insomma, un gruppo che in quasi venti anni di attività è sempre restato uguale a se stesso, senza mai evolvere, rinnovare, sperimentare .

“Keep the Village Alive” suona vecchio, a tratti in maniera insopportabile. Un enorme difetto per un gruppo che sembra aver scelto di ripercorrere sempre, costantemente, la strada sicura e lineare che nei passati anni hanno portato spesso grande successo, soprattutto di pubblico. Eppure, ad ascoltare con attenzione quest’album si nota la mancanza di forma, struttura, senso dell’intero lavoro.

Un album che parte malissimo, con i primi tre/quattro pezzi davvero mediocri, per poi risollevarsi nel mezzo, con alcuni pezzi decisamente interessanti come “Song for the Summer” e soprattutto “Fight or Flight” (seguiti però dalla tremenda “Hero”), per poi chiudere come aveva cominciato, con pezzi piuttosto scialbi e privi di personalità.

Purtroppo nessuna canzone raggiunge minimamente l’intensità di vecchi pezzi quali “Mr. Writer”, “Dakota” o “Maybe Tomorrow”, e l’album, nonostante qualche base azzeccata e la splendida voce onnipresente di Kelly Jones, si lascia ascoltare in maniera del tutto disattenta, senza particolari aberrazioni ma anche senza nessun vero picco che possa rendere questo “Keep the Village Alive” meritevole di attenzione, soprattutto per chi gli Stereophonics non li ha mai precedentemente ascoltati.

Tracklist
1. C'est la Vie
2. White Lies
3. Sing Little Sister
4. I Wanna Get Lost With You
5. Song for the Summer
6. Fight or Flight
7. My Hero
8. Sunny
9. Into the World
10. Mr and Mrs Smith
 
 

Hum – Inlet

Dalle radici di puro shoegaze sono rispuntati dopo ben ventidue anni gli statunitensi Hum. La band di Champaign, Illinois, si presenta a ...

Pure Bathing Culture – ...

E’ sempre un piacere ritrovare i Pure Bathing Culture, sopratutto quando lo stato di forma pare buono. Non ci sono particolari novità ...

Japandroids – Massey Fucking ...

Brian King e David Prowse sono animali da palco, ognuno a modo proprio: il primo suda come fosse una sessione di CrossFit ad alta ...

Nadine Shah – Kitchen Sink

Tre anni dopo “Holiday Destination” torna Nadine Shah con un disco conturbante, diverso da quanto fatto in passato anche se non certo ...

Pottery – Welcome To ...

Ci fanno assaggiare il loro valore i Pottery che questo weekend hanno pubblicato il loro debutto full-length, in arrivo a distanza di un ...