C+C=MAXIGROSS
Fluttarn

[ Vaggimal Studios/Trovarobato - 2015 ]
8
 
Genere: Folk-Rock, Pop-Psichedelico
 
10 Novembre 2015
 

Uno dei migliori gruppi folk italiano degli ultimi anni sono senza dubbio i C+C=Maxigross, ritornati a sbandierare con fierezza cimbra il loro “Fluttarn”, titolo del nuovo album che nella lingua e cultura dei monti lessini, nel veronese, significa fluttuare. Ultimo lavoro della trilogia targata Vaggimal Studios – etichetta fondata dagli stessi membri del gruppo nella loro natia Vaggimal – i C+C ci consegnano dieci canzoni che sono la sintesi di un periodo passato a suonare dal vivo in Italia e in Europa, a collaborare con artisti di fama internazionale e a tanto sperimentare.

Grazie alla produzione di Marco Fasolo dei Jennifer Gentle e all’utilizzo di una vasta gamma di strumenti vintage, “Fluttarn” è un meraviglioso spazio aperto da scoprire minuto per minuto, dove soffia una brezza folk, con caldi aliti psichedelici e sbuffi pop.

“You Won’t Wait At The Arrival” è lo spiritual introduttivo, che ci induce a scoprire brani di delicata bellezza come “Every Time I Listen To The Stone” o “Let It Go”, passando per il pop beatlesiano di “An Afternoon With Paul”, fino a chiudere con sonorità ancora più lisergiche come in “Rather Than Saint Valentine’s Day”.
Gran parte del disco vanta la partecipazione di artisti internazionali come Martin Hagfors, Håkan Gebhardt (ex Motorpsycho), Kjell Martinsen e il cantante e bassista degli Akron Family, Miles Cooper Seaton, con cui i C+C avevano già suonato durante alcuni live la scorsa estate.

I C+C=Maxigross hanno dimostrato di essere diventati musicisti maturi, sempre più sperimentatori e ardimentosi, cosicché “Fluttarn” si va ad inserire tra le più belle uscite di questo autunno, capace di superare i confini – non solo geografici – italiani, arrivando ad un pubblico nordeuropeo, molto più attento nel riconoscere qualità e meriti.

Tracklist
1.You Won’t Wait At The Arrival
2.Born Into It
3.Bruce Skate
4.Every Time I Listen To The Stones
5.Let It Go
6.All That I’ve Done To Be So Lonely
7.Est 1973
8.An Afternoon With Paul
9.Moon Boots
10.Rather Than Saint Valentine’s Day Part III
 
 

Lee Ranaldo & Raül Refree ...

Se non mi credete aprite Google Maps e cercate la città di Winnipeg, nello stato del Manitoba, in Canada; leggete i nomi delle sue strade: ...

Ozzy Osbourne – Ordinary Man

Dieci anni dopo l’ultima uscita solista, il Principe delle Tenebre riemerge dalle ceneri degli ormai definitivamente defunti Black Sabbath ...

SQÜRL – Some Music For Robby ...

Jim Jarmusch e il fido compagno di scorribande sonore, il producer e compositore Carter Logan, tornano a imbracciare gli strumenti sotto la ...

Stone Temple Pilots – Perdida

No, non ci siamo, non ci siamo proprio. Stavolta i fratelli De Leo l’hanno combinata davvero grossa, l’iconica band di San ...

Peggy Sue – Vices

Sono passati ben sei anni da “Choir Of Echoes”, il terzo album delle Peggy Sue, ma ora le ragazze di stanza a Londra gli anno finalmente ...