TOP TEN LIVE UNPLUGGED IN MONTI 2015

 
di
19 Dicembre 2015
 

Abbiamo chiesto agli amici di TRISTE©, ormai presenza fissa a Rione Monti, di selezionare i migliori dieci concerti che si sono tenuti nel 2015 ad Unplugged In Monti, rassegna di concerti acustici e private-show che la nostra webzine ormai segue con cura e passione fin dagli esordi.

La classifica si concentra solo sui i live che hanno preso vita al BlackMarket, venue storica di UIM, per questo motivo, volutamente, vengono lasciate fuori le date alla Chiesa Evangelica Metodista (le Church Sessions di Micah P Hinson e Neil Halstead) e lo spin-off estivo con la sortita al Monk Club di Roma per le esibizioni di Badly Drawn Boy, Ben Seretan e Miles Cooper Seaton.

Un Unplugged in Monti TRISTE©
La top 10 dei live di UIM al Blackmarket (o almeno di quelli a cui abbiamo partecipato. Cioè quasi tutti)

10) THE CAIRO GANG
Quando: 16 febbraio 2015 | 4^ stagione di Unplugged In Monti

The Cairo Gang

Emmett Kelly aka The Cairo Gang

Emmett Kelly collabora con alcuni dei migliori artisti in circolazione (Bonnie Prince Billy, Angel Olsen). Ma anche da solo mostra di saperci fare. Era Febbraio, faceva freddo. Ma la sua musica ci ha saputo riscaldarci nel modo migliore.

LEGGI LA RECENSIONE DEL LIVE SU TRISTE©

9) PAT DAM SMYTH
Quando: 7 dicembre 2015 | 5^ stagione di Unplugged In Monti

Pat Dam Smyth

Pat Dam Smyth

A volte il termine “storyteller” viene usato in modo improprio. Se volete capire come utilizzarlo in modo appropriato ascoltate un disco di Pat Dam Smyth. O, ancora meglio, assistete ad un suo live. Vi suonerà la sua musica e vi racconterà la sua vita e le sue storie.

LEGGI LA RECENSIONE DEL LIVE SU TRISTE©

8) ED ASKEW
Quando: 1 ottobre 2015 | 5^ stagione di Unplugged In Monti

Ed Askew

Ed Askew

La carta d’identità non sempre rispecchia la propria vera età. Per esempio, il mio documento mi toglie un sacco di anni. Con Ed Askew invece sembra essere proprio l’opposto. Musica fuori dal tempo per un artista che nonostante la scarsa prolificità ha comunque saputo lasciare il segno (chiedete a Sharon Van Etten…).

LEGGI LA RECENSIONE DI “ASK THE UNICORN”

7) LONESOME LEASH
Quando: 25 novembre 2015 | 5^ stagione di Unplugged In Monti

Lonesome Leash

Lonesome Leash

Suonare 3 difficili strumenti. Contemporaneamente. Il risultato potrebbe essere una confusione degna di un intonarumori (vedi Wikipedia). Se eravate ad Unplugged in Monti il 25 Novembre avete capito che invece è possibile anche che il risultato sia ottimo: Walt McClements e la sua one-man orchestra.

LEGGI LA RECENSIONE DEL LIVE SU TRISTE©
LEGGI LA RECENSIONE DI “PRECIOUS FUTURE”

6) TOM BROSSEAU
Quando: 20 aprile 2015 | 4^ stagione di Unplugged In Monti

Tom Brosseau

Tom Brosseau

Sembra uscito dai primi del secolo, per le storie che ci racconta, per i riferimenti della sua musica e per il sapore delle sue melodie. Tom Brosseau però è nostro contemporaneo e vive a Los Angeles. E ad Aprile ci ha deliziato con un ottimo live

LEGGI LA RECENSIONE DEL LIVE SU TRISTE©
LEGGI LA RECENSIONE DI “PERFECT ABANDON”

5) SMALL FEET
Quando: 15 dicembre 2015 | 5^ Stagione Unplugged In Monti

Small Feet

Small Feet

Ultimo concerto dell’anno ma dritto nella top 5 di questa stagione. L’America e la Svezia sono vicinissime (chiede anche alla numero 1…) e il debut album degli Small Feet è una piccola gemma di questo 2015 che dovete assolutamente riscoprire.

LEGGI LA RECENSIONE DEL LIVE SU TRISTE©
LEGGI LA RECENSIONE DI “FROM FAR ENOUGH AWAY EVERYTHING LIKE THE OCEAN”

4) RYLEY WALKER
Qunando: 18 settembre 2015 | 5^ stagione di Unplugged In Monti

Ryley Walker

Ryley Walker

Acclamatissimo (a ragione) per le sue doti con la chitarra e per l’ottimo disco uscito a Marzo 2015, Ryley Walker a Settembre ha inaugurato la quinta stagione di UIM. Il musicista di Chicago ha saputo mostrare tutte le sfumature del suo repertorio in un live bellissimo che sicuramente sarà rimasto nella memoria del pubblico romano.

LEGGI LA RECENSIONE DEL LIVE SU TRISTE©
LEGGI LA RECENSIONE DI “PRIMROSE GREEN”

3) FRONTIER RUCKUS
Quando: 9 marzo 2015 | 4^ stagione di Unplugged In Monti

Frontier Ruckus

Frontier Ruckus

A Marzo è stata la volta degli statunitensi Frontier Ruckus. La band del Michigan guidata da Matthew Milia ci ha davvero impressionato in un live intenso e toccante, ma al tempo stesso divertente e scanzonato. James Bond sfrecciava per le vie del Rione Monti, ma noi avevamo di meglio da guardare. E da ascoltare

LEGGI LA RECENSIONE DEL LIVE SU TRISTE©

2) ALDOUS HARDING
Quando: 10 giugno 2015 | 4^ stagione di Unplugged In Monti

Aldous Harding

2) ALDOUS HARDING

Potrebbe essere un primo posto a pari merito. Ma ho preferito scegliere. Detto questo, Aldous Harding è una delle più belle novità degli ultimi anni. Dopo lo splendido self-titled debut del 2014, la songwriter neozelandese ci rapisce con la sua voce, le sue atmosfere e la sua immensa bravura. Forse uno dei migliori live di sempre per UIM. Sicuramente uno di quelli che più ci ha toccato nel cuore.

LEGGI LA RECENSIONE DEL LIVE SU TRISTE©

1) BARBARISMS
Quando: 22 gennaio 2015 | 4^ stagione Unplugged In Monti

Barbarisms

Barbarisms

Primo live del 2015 e prima posizione. Numero 1 nella mia classifica dei dischi del 2014 e numero 1 in questa speciale top 10. A Gennaio dalla Svezia sono arrivati in Italia (e di questo ci prendiamo anche noi di TRISTE© una parte del merito) i Barbarisms e ci hanno regalato una serata fantastica con le loro canzoni. Da “Backwards Falconer #2” a “Kathrine Anne Porter”, da “Macaulay Culkin On Pizza” a “A Wash Of Teeth And Eyes”, dovrei elencare tutto il loro debut perchè davvero ogni pezzi merita un ascolto. Con il cuore, la testa e le orecchie, non potevamo non scegliere questo live come la nostra prima posizione.

LEGGI LA RECENSIONE DEL LIVE SU TRISTE©

Foto intestazione di Luca Carlino

 

Oggi “Hey Jude” dei Beatles ...

Nel ’70 i Beatles avevano un nuovo manager, Allen Klein, il quale, nonostante “Abbey Road” fosse stato pubblicato da pochi ...

Superdownhome: il diario di viaggio ...

I Superdownhome sono un duo bresciano formato da Beppe Facchetti ed Enrico Sauda. Le basi del loro sound sono da ricercare nella tradizione ...

Tribute to Ginger Baker, Eventim ...

“Dawn-light smiles on you leaving, my contentment“. Le nostre essenze sono fragili e minuscole, ma allo stesso tempo così ...

Oggi “Physical Graffiti” dei ...

Tutto incomincia con il riff di “Custard Pie”, allo stesso tempo minaccioso ed inebriante, sensuale e lascivo, nel quale gli ...

Quando musica e malattia vanno a ...

La musica e la malattia. Un legame che non funziona solo come “medicina”, perché sulle proprietà curative e lenitive della ...