THE THREE BLIND MICE
The Chosen One

[ Pale Music - 2015 ]
7.5
 
Genere: Rock d'autore, Alt country, Swamp rock
 
22 Dicembre 2015
 

Circa dieci anni fa i Circo Fantasma davano alle stampe “I knew Jeffrey Lee”, lavoro prodotto da Amaury Cambuzat ricco di ospiti importanti (Manuel Agnelli, Steve Wynn, Cesare Basile, Giò dei La Crus, Emidio Clementi, fino a Nikki Sudden che poco tempo dopo sarebbe passato a miglior vita), un disco che oltre ad omaggiare il compianto leader dei Gun Club si proponeva di ricreare un certo sound nero, Nickeviano direbbe qualcuno, fatto di rock, alt country e canzone d’autore, mood che i Tre Topolini Ciechi provenienti da Milano ricreano perfettamente in questo loro secondo album.

“The Chosen One”, prodotto da Kristof Hahn degli Swans, arriva tre anni dopo “Early morning scumm” e del predecessore smussa gli spigoli dimostrando una maggiore sicurezza, i dieci brani che compongono il lotto riassumono perfettamente il mondo che i tre vogliono evocare attraverso la voce profonda e magnetica di Manuele Scalia, ugola che rimanda oltre che al sopracitato Nick Cave a David Sylvian e a Paul Buchanan dei Blue Nile (“Neon lights” in questo senso potrebbe essere benissimo una outtake di “Hats”).

In questo lavoro registrato completamente a Berlino la band punta in alto, riuscendo a camminare fianco a fianco ai giganti da cui trae ispirazione, dando vita ad un lavoro variegato che passa senza soluzione di continuità dalle atmosfere morriconiane di “Ring song” e “Wine song” a quelle notturne e bohémien di “Berlin Blues”, deviando poi attraverso la disperazione urbana della sopracitata “Neon Lights”, piccolo capolavoro che spicca tra i tanti contenuti in questo splendido disco tra cui è da segnalare anche una riuscita cover di “The night before” di Lee Hazlwood.

Disco elegante “The Chosen One”, fino dalla splendida copertina firmata da Paolo Paradiso, che solo per i più superficiali potrà risultare derivativo, un lavoro che affonda le proprie radici fuori dai confini nazionali e che non soffre di quel provincialismo di cui sono affette molte delle produzioni nostrane che vanno per la maggiore.

Tracklist
1. River of no return
2. Ring song
3. Wine song
4. Berlin Blues
5. Everything that rises
6. We're strangers
7. Sailor song
8. Neon lights
9. The night before
10. Gospel train
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Traams – Personal Best

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album. Una pausa davvero molto lunga considerato ...

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Recent Comments