ADRIANO VITERBINI
Film O Sound

[ Bomba Dischi - 2015 ]
7.5
 
Genere: World music, Blues
 
4 Gennaio 2016
 

Il problema dei luoghi comuni è che molto spesso ci azzeccano, il più diffuso nell’ambito del rock alternativo italiano è che Adriano Viterbini dei Bud Spencer Blues Explosion sia il miglior chitarrista italiano, e se questo non è vero (chi ha assistito alle deflagranti esibizioni dei BSBE è pronto a giurare il contrario) possiamo affermare senza alcun dubbio che un posto su di un ipotetico podio è suo di diritto.

“Film o sound” arriva due anni dopo “Goldfoil”, lavoro completamente strumentale dal quale differisce non solo per la presenza di un brano con un ospite alla voce (Alberto Ferrari dei Verdena canta in “Bring it on home to me”, cover di Sam Cooke) ma soprattutto per il fatto di aver spostato il baricentro geografico attorno a cui gira l’album, non più il blues di matrice statunitense bensì quello misterioso e ammaliante del Malì e dintorni, in tal senso è indicativa la presenza di Bombino e della sua chitarra, ospiti nella trascinante “Welcome Ada”.

Blues e world music si fondono sapientemente mescolati dalla chitarra ispirata del musicista romano in un disco che forse è quanto di più distante dai gusti dell’ascoltatore indie medio italiano, un album nel quale spesso si fa fatica a riconoscere i brani autografi dalle illuminate cover proposte(su tutte “Tunga magni” di Boubacar Traorè e “Malaika” di Fadhili William Mdawida in cui Morricone incontra l’Africa) tanto è stato bravo Viterbini ad abbattere ogni confine possibile, difficile poi restare fermi di fronte al sound danzereccio dell’iniziale “Tubi innocenti” o non farsi trasportare dall’hand clapping dalla sopracitata “Welcome Ada”.

Adriano Viterbini non è solo un virtuoso della chitarra, sbaglia chi lo considera così, è un musicista curioso e capace di ragionare oltre gli schemi nazionali che, come ha più volte dimostrato, gli stanno stretti, un’artista che dimostra con questo “Film o Sound” quello che chi vi scrive ha sempre pensato, ovvero che i BSBE sono solamente la punta dell’iceberg delle sue capacità espressive

Tracklist
1. Tubi Innocenti
2. Malaika
3. Bring it on home to me
4. Tunga Magni
5. Sleepwalk
6. Nemi
7. Solo perle
8. Welcome Ada
9. Mondo Slack key
10. Bakelite
11. Five hundred miles
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

AliX – Last Dreamer

Sono passati ben quattordici anni da “Good One”, ultimo disco a nome AliX dopo l’esordio omonimo, “Cuore In Bocca” del 1999, ...

Eugenia Post Meridiem – like ...

È una tensione positiva quella che anima il nuovo disco degli Eugenia Post Meridiem. Eugenia Fera, il bassista Matteo Traverso, il ...

Recent Comments