ROVER
Let It Glow

[ Cinq 7 / Wagram ]
7
 
Genere: Indie Rock
Tags:
 
4 Gennaio 2016
 

Busto in primo piano con ¬giacca di pelle, occhiali da sole e capelli straniti. Pelle bianca violacea su sfondo rosso. Il volto è di Timothée Régnier, alias Rover, impresso sulla copertina dell’ultimo album, “Let It Glow”.

Due di due. Il secondo lavoro del cantante francese si propone come perfettamente in linea con il precedente “Rover”, album di debutto uscito nel 2012. Di entrambi gli LP sono proprie le sonorità pulite, marcate, anche eleganti, al contempo oscure e melanconiche (per confronto si pensi, su tutti, agli Interpol). Il timbro vocale, il cui falsetto ne è la chiave di lettura prima, richiama quello di Neil Hannon dei Divine Comedy, anche se la fisicità massiccia di Rover sembrerebbe stridere con questo accostamento.

L’album ha una struttura solida, che si rafforza in un lento crescendo di tensione melodica brano dopo brano, passando per il punto nodale di “Call My Name”; il culmine si ha con “Let It Glow”, per poi discendere dolcemente fino alla chiusura di “In The End”, che ha lo stesso effetto di un sipario tirato al termine di un’opera teatrale. L’uniformità melodica e strutturale sembra dipendere dalla modalità di composizione dell’album, scritto ed elaborato da Rover per nove mesi consecutivi, prevalentemente di notte, solo, “in compagnia di una drum machine, un registratore a 4 tracce e un vecchio piano”. Il risultato è, esattamente come era stato per il precedente, un album fortemente personale, in cui trova spazio il mondo esperienziale ed emozionale di Régnier e in cui la citazione dei suoi riferimenti culturali (da Bach a Bowie) si sente forte e chiara.

Se il primo album aveva sorpreso ed era stato estremamente apprezzato, questo secondo continua a piacere, perdendo però stupore e novità. Rover è riuscito a creare una propria nicchia nella quale si trova a suo agio e dalla quale estrae piccole perle ben riconoscibili nel loro – suo – genere.

Tracklist
1. Some Needs
2. Odessey
3. Call My Name
4. Innerhum
5. Trugar
6. HCYD
7. Let It Glow
8. Along
9. Glowing Shades
10. In The End
 
 

Nicolas Michaux – Amour ...

Nicolas Michaux aveva sorpreso un po’ tutti con il rock dinamico che punteggiava l’esordio “A La Vie à La Mort” nel 2016, ...

Damon Albarn – The Nearer The ...

«All’avvicinarsi della sorgente, il ruscello scorre più puro.». Così scriveva John Clare, un poeta romantico, in un suo scritto ...

Robin Guthrie – Pearldiving

Nove anni dopo “Fortune” torna in veste solista il buon Robin Guthrie che come al solito suona tutti gli strumenti in un album di note ...

HighSchool – Forever at Last

Qualche anno fa arrivò un album inaspettato che lasciò il segno, una band che si presentò ed eclissò alla velocità della luce, si ...

Parcels – Day / Night

Osannati, osannatissimi Parcels: negli ultimi tre o quattro anni hanno conquistato un bel pubblico in Francia, oltremanica, ma anche da noi ...