L’ATTIMO FUGGENTE 29 FEBBRAIO 2016

 
5 marzo 2016
 

01. Il Nostro Singolo della Settimana: Astronaute – Sunday Kid
02. Emma Pollock – Intermission
03. Minor Victories – A Hundred Ropes
04. Mogwai – Ether
05. Dancing Years – Learn To Kiss
06. Damien Jurado – Exit 353
07. Daughter – How
08. Laura Gibson – The Cause
09. Lush – Out Of Control
10. Myrra Rós – Eins Og þú Sérð live at home
11. Myrra Rós – Dark Horse live at home
12. Myrra Rós – One Amongsts Others live at home
13. The Big Eyes Family Players – Desert Queen
14. Lake Ruth – The Inconsolable Jean-Claude
15. The New Lines – A Solitary Congress
16. Giorgio Tuma – Release From The Centre Of Your Heart
17. Junkboy – Fulfil
18. Matt Elliott – The Allegory Of The Cave
19. Il Nostro Bacio della Buona Notte: Josephine Foster – Blue Roses (new version)

IL SINGOLO DELLA SETTIMANAAstronaute – Sunday Kid:

Astronaute

Astronaute

Myrthe Luyten, la voce di Astronaute, ha dovuto cercare per un po ‘ per trovare il modo giusto per trasformare magicamente in musica la sua visione del mondo. Ha scritto, ha cancellato e riscritto. Il risultato si chiama “Petrichor”: nove canzoni che si leggono come racconti, con una colonna sonora che oscilla tra il folk classico di Sam Amidon e il rock d’autore di Sharon Van Etten.
Già nel debutto del 2013, l’EP “Myriad”, la voce della Luyten spiccava come l’ingrediente principale della musica di Astonaute, ma per “Petrichor”, l’artista belga, cambiata la sua chitarra acustica per una elettrica, si è circondata di una vera band. Bert Vliegen alle tastiere, Toon Vanotterdijk al basso e Bert Hornikx alla batteria hanno dato ad Astronaute un suono più intenso, corposo e levigato. “Petrichor” è l’opera di quattro musicisti. Myrthe, tuttavia rimane l’anima della della band scrivendo canzoni pure e sincere. “Petrichor” è un balsamo per l’anima. E Sunday Kid, il nostro singolo della settimana, ne è l’esempio più eclatante.

Petrichor by Astronaute

L’Attimo Fuggente è una trasmissione radiofonica in diretta, condotta da Francesco Amoroso e Raffaello Russo, che va in onda ogni lunedì, dalle 21:00 alle 23:00 su Radio Città Aperta in streaming (http://radiocittaperta.it/onair). Da oltre cinque anni, attraverso la radio e la propria pagina Facebook, grazie a rubriche, piccoli speciali e monografie in pillole, tantissime anteprime e novità, ma anche recuperi dal passato prossimo e remoto, coinvolgenti live acustici in studio, L’Attimo Fuggente tenta di dare assoluto ed esclusivo risalto alle emozioni nella musica. Le mode, i generi, il successo, vanno e vengono, ma le emozioni che la musica riesce a regalare rimangono per sempre.

Parafrasando il protagonista dell’omonimo film degli anni novanta: Non ascoltiamo e suoniamo musica perché è carino: noi ascoltiamo e suoniamo musica perché siamo membri della razza umana; e la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento; ma la musica, la bellezza, il romanticismo, l’amore, sono queste le cose che ci tengono in vita.

 

5 dischi da isola deserta per The ...

Omaggiare i favolosi ’50 e ’60 e l’epoca beat non è un’operazione nostalgica che guarda esclusivamente al passato, ma un modo per ...

18 maggio 1980: Ian Curtis, i Joy ...

I Joy Division, nonostante la loro breve esistenza come band, sono un riferimento musicale fondamentale, soprattutto per il movimento dark e ...

Oggi “Play” di Moby ...

“Play”, il più grande successo di Richard Melville Hall, in arte Moby, compie 20 anni eppure, oggi come allora, sembra un disco senza ...

Oggi “You Are the Quarry” di ...

“You are the Quarry”  uscì dopo sette lunghissimi anni, facendo sospirare i tanti fan sparsi per il mondo, ma l’attesa ...

Oggi “Grande Rock” dei ...

Seguivo Nicke Royale fin dagli Entombed (quando era ancora Nicke Andersson), figurarsi se non non abbracciavo con amore anche la sua ...