THE CORAL
Distance Inbetween

[ Ignition Records - 2016 ]
7
 
Genere: Rock, Psychedelic, alt
Tags:
 
6 Marzo 2016
 

“Distance Inbetween” è l’ottavo album studio di materiale inedito per i The Coral, “The Curse of Love” del 2014  era una sorta di lost album che la band ha voluto pubblicare, gruppo che in fatto di prolificità compositiva non si è fatta mai trovare impreparata. Quindi considerato “Butterfly House” del 2010 ultimo disco di pezzi inediti, erano sei anni che i britannici di Liverpool The Coral non pubblicavano un disco. La band ha voluto dedicare il disco a Alan Wills ex batterista e boss della Deltasonic morto nel 2014, abile scopritore di band di talento quali Zutons, Rascals, Little Flames, che ha dato vita verso gli inizi del nuovo millenio (il primo disco dei The Coral omonimo è datato 2002) ad una bella scena musicale Psychedelic Rock molto seventies che tanto faceva impazzire gli hyppies ma soprattutto capace di riportare il rock psichedelico di radice ’60-’70 al posto che gli spetta tra le eccellenze dell’ascolto d’elite.

“Distance Inbetween” è un  bel disco carico, energico, essenziale, spartano al punto giusto, con dei bei riffoni e delle chitarre belle piene, aggressive, presenti. A questo si aggiunge una bella sezione ritmica semplice ma dannatamente funzionale, riuscita e quasi sempre accattivante e coinvolgente. Tutto ciò da vita ad una sorta di piccola rinascita della band, un rimettersi in gioco lasciandosi trasportare e  comandare dal sound e dal ritmo. Le takes  di rgistrazione quasi tutte in presa diretta hanno davvero dato una marcia in più, un approccio istintivo, wild. Cantato in stile CSNY, assoli di chitarra riuscitissimi con la testa negli anni ’70 (l’ho già detto?) ancor’oggi amati da una grandissima fetta di ascoltatori. Un piacevole ritorno di una band che un pò sembravasi stesse perdendo nel pop troppo semplice e nell’ autoreferenzialità di un “Best of” uscito nel 2007. Molto affascinanti risultano ballads come “Distance Inbetween” e “It’s You” che non ci fanno dimenticare lo stile e l’impronta dei fratelli Skelly e soci. Travolgente è il riff di “Holy Revelation” un pezzo a metà tra CCR e QOTSA e poi “White Bird”, “Connector”. Insomma tanta bella roba

Un disco da avere, un live da ascoltare per chi può o chi vive in Angleterre.

Bravi THE CORAL e bentornati

 

Tracklist
1. Connector
2. White Bird
3. Chasing the Tail of a Dream
4. Distance Inbetween
5. Million Eyes
6. Miss Fortune
7. Beyond the Sun
8. It's You
9. Holy Revelation
10. She Runs the River
11. Fear Machine
12. End Credits
 
 

Suzanne Vega – An Evening Of ...

Chi in questi mesi ha dovuto rinunciare a un bel viaggio (magari oltreoceano) può consolarsi con questo delizioso disco dal vivo di Suzanne ...

I Like Trains – Kompromat

La parola Kompromat, si legge su Wikipedia, viene dal russo che significa”materiali compromettenti” ed è usato per indicare ...

The Slow Painters – The Slow ...

Quella dei norvegesi The Slow Painters è una delle scoperte epifaniche che danno un senso alla continua ricerca di nuovi nomi ...

The Flaming Lips – American ...

Torno a scrivere di musica dopo un po’ di tempo, dato che da un paio d’anni a questa parte sono stato trasferito dal sommo Riccardo ...

King Buzzo with Trevor Dunn – ...

King Buzzo si prende una piccola pausa dal sound ruvido cui ci ha abituato in quasi quattro decenni di attività e, a sei anni di distanza ...