MARC CARROLL
Love Is All Or Love Is Not At All

[ One Little Indian - 2016 ]
7
 
Genere: Songwriting folk
 
22 marzo 2016
 

I “flash mentali” che il cantautore irlandese Marc Carrol aveva avuto durante i suoi soggiorni negli States e poi di seguito immortalati nel bel disco “Stone Beads and Silver” del 2013, paiono svanire leggermente, come pure (anche se qualcosa rimane) quell’assonanza Dylaniana che troppo calcava l’artista, ora si cambia strada e si riscoprono le proprie roots, le armonie pop-folk di casa e, con una manciata di pensieri sul sociale e ripetute letture dei poemi di Penny Rimbaud dei Crass, poi le confezione in ballate splendide, crude e sognanti, con un giusto equilibrio tra Irlanda e America.

“Love is all or love is not at all” è il disco dell’inversione, dieci tracciati in cui Carrol devia dalle correnti edulcorate per “guardare profondamente” il dintorno della vita, del mondo No hallelujah here (dedicata alle stragi di Gaza) o la titletrak che declama la povertà degli ultimi; con riverberi di Roger Mc Guinn “A child in mid stream”, e un Tom Petty di sfuggita “Ball and chain”, il disco scorre piacevolmente, mentre la partecipazione di Jody Stephens (Big Star), Pete Thomas (Attractions) e la tromba di Noel Langley (Bill Fay) insieme alle tastiere di Bo Koster (My Morning Jackets) non fa altro che riempire di “classe sopraffina” il lotto e far sognare di brutto orecchi e animi.

Punti di eccellenza le spennate hurryes Lost and lonely, la tensione elettrica “Brightest of blue” e la pensierosa quanto bella “Catalina in the distance”, punti di armonia tutte le altre.

Tracklist
1. No hallelujah here
2. Oh death , don’t yet call me home
3. Ball and chain
4. Love is all or love is not at all
5. A child in mid stream
6. Brightest of blue
7. Your ghost
8. Lost and lonely
9. Catalina in the distance
10. Against all odds
 
 

Laura Veirs – The Lookout

Il suo album precedente, “Warp And Weft”, era uscito nel 2013, proprio pochi mesi dopo la nascita del suo secondo figlio Oz Rhodes e in ...

Alan Spicy – Frammenti

Gli Alan Spicy sono al loro esordio con l’EP “Frammenti”, la band, originaria della provincia di Rieti si presenta con ...

Tanukichan – Sundays

Dannata domenica, giorno amato e odiato. Così lontanto dal venerdì ricco di aspettative e troppo vicino al lunedì. Giornata dedicata ...

Stuart A. Staples – ...

Mi innamorai dei Tindersticks un’estate di tanti anni fa, quando vidi la copertina di “Can our love” campeggiare su quella del ...

Magic Wands – Abrakadabra

Il duo Chris e Dexy Valentine, base a Los Angeles, torna con il terzo album “Abrakadabra”. Il primo lavoro “Aloha Moon” aveva ...