FABRIZIO TAVERNELLI
Fantacoscienza

[ Lo Scafandro - 2016 ]
8
 
Genere: Cantautorato
 
31 Maggio 2016
 

Un vuoto, un’apnea, uno scandaglio profondo e intimo che ricerca, girovaga, scava e inanella atmosfere buie e esistenzialismi notevoli, cose che prendono di mira l’ascoltatore, facendo centro nel suo essere esperimento di vita.

Dettagli immaginifici per il nuovo album di Fabrizio Tavernelli, “Fantacoscienza”, un grumo autorale di deliri e visioni che in tredici brani imbastisce atmosfere ora sognanti ora destabilizzanti, un lavoro con un’orbita espressiva tutta sua, plasmata su tratteggi melanconici, grigiastri ed elettrici, una sostanza intima che galleggia sullo stereo favorendo un senso dolcemente spaesato di approdi e abbandoni di spirito.

L’artista Tavernelli (AFA e CSI) su tutti, riesce a compensare con questo lavoro ghiotto di liquidità trattile e poesia verticale a grappoli, domande e interrogativi che vengono davanti quando si guarda l’infinito nel senso stretto di “inimmaginabile”, riesce a far volare quel brivido calmo che muove la curiosità dei bipedi umani verso un qualcosa che in fondo ci fa invidia e nel contempo ci fa crescere d’anima smisuratamente, ma lo fa. Per volare ascoltando la tracklist (tra le tante) agganciatevi ai vapori eterei di “Fantacoscienza”, seguite il gattonato elettrico Non ho detto niente, lasciatevi cullare dagli anelli alieni di “Il raggio della morte” o prendete a zigzagare tra le pieghe sperimentali di “Mi guardi come un Ufo”, e per un lasso di tempo “l’alto” sarà la vostra visuale preferita. Disco non per tutti, ma per molti sì!

Tracklist
1. Kolosimo
2. Hollow baobab
3. Fauni
4. Fantacoscienza
5. Antroapologia
6. Non ho detto niente
7. Distorta gestalt
8. Il raggio della morte
9. Il tradimento
10. Infinite combinazioni
11. Mi guardi come un Ufo
12. I miei amici
13. Flauto dolce
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Black Angels – Wilderness ...

Non si può certo dire che i cinque anni abbondanti trascorsi tra “Death Song” e “Wilderness Of Mirrors” siano stati poveri di ...

Verdena – Volevo magia

Passano sette lunghi anni ed ecco finalmente tornare i Verdena con il loro carico di ricordi, sentimenti e aspettative che vanno oltre la ...

Suede – Autofiction

Ritornare all’essenza, partire da qui per andare avanti, si saranno detti Brett Anderson e soci alle prese col nuovo album che ...

Built To Spill – When The ...

Sono passati oltre sette anni da “Untethered Moon” e i Built To Spill sono finalmente ritornati con questo loro attesissimo nono album ...

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Recent Comments