FABRIZIO TAVERNELLI
Fantacoscienza

[ Lo Scafandro - 2016 ]
8
 
Genere: Cantautorato
 
31 Maggio 2016
 

Un vuoto, un’apnea, uno scandaglio profondo e intimo che ricerca, girovaga, scava e inanella atmosfere buie e esistenzialismi notevoli, cose che prendono di mira l’ascoltatore, facendo centro nel suo essere esperimento di vita.

Dettagli immaginifici per il nuovo album di Fabrizio Tavernelli, “Fantacoscienza”, un grumo autorale di deliri e visioni che in tredici brani imbastisce atmosfere ora sognanti ora destabilizzanti, un lavoro con un’orbita espressiva tutta sua, plasmata su tratteggi melanconici, grigiastri ed elettrici, una sostanza intima che galleggia sullo stereo favorendo un senso dolcemente spaesato di approdi e abbandoni di spirito.

L’artista Tavernelli (AFA e CSI) su tutti, riesce a compensare con questo lavoro ghiotto di liquidità trattile e poesia verticale a grappoli, domande e interrogativi che vengono davanti quando si guarda l’infinito nel senso stretto di “inimmaginabile”, riesce a far volare quel brivido calmo che muove la curiosità dei bipedi umani verso un qualcosa che in fondo ci fa invidia e nel contempo ci fa crescere d’anima smisuratamente, ma lo fa. Per volare ascoltando la tracklist (tra le tante) agganciatevi ai vapori eterei di “Fantacoscienza”, seguite il gattonato elettrico Non ho detto niente, lasciatevi cullare dagli anelli alieni di “Il raggio della morte” o prendete a zigzagare tra le pieghe sperimentali di “Mi guardi come un Ufo”, e per un lasso di tempo “l’alto” sarà la vostra visuale preferita. Disco non per tutti, ma per molti sì!

Tracklist
1. Kolosimo
2. Hollow baobab
3. Fauni
4. Fantacoscienza
5. Antroapologia
6. Non ho detto niente
7. Distorta gestalt
8. Il raggio della morte
9. Il tradimento
10. Infinite combinazioni
11. Mi guardi come un Ufo
12. I miei amici
13. Flauto dolce
 
 

Braids – Shadow Offering

Inizia con la dichiarazione di un amore fugace contenuta nell’opening track “Here 4 U” il quarto album in studio della ...

Cloud Nothings – The Black ...

Era ottobre 2018 quando i Cloud Nothings avevano pubblicato, via Wichita Recordings, il loro quinto LP, “Last Building Burning”: ora la ...

The Beths – Jump Rope Gazers

Diamo il bentornato ai simpatici Beths di Auckland che danno un seguito al piacevolissimo esordio di due anni fa. Il quartetto cambia un ...

Khruangbin – Mordechai

Tornano i mariachi del groove texani dopo l’ottimo “Con Todo El Mundo”, e lo fanno dimostrano un invidiabile stato di ...

Sault – Untitled (Black is)

In un mondo di sovraesposizione mediatica i Sault si fanno notare per la loro misteriosa identità: arrivati al terzo album, di cui due ...