EXPLOSIONS IN THE SKY
The Wilderness

[ Temporary Residence Limited - 2016 ]
7
 
Genere: post-rock
 
7 Giugno 2016
 

Nell’enciclopedia mentale di ognuno alla voce “Explosions In The Sky” risponde la definizione di Chitarre, batteria e basso, tutto pulitissimo e precisissimo in un crescendo sonoro ed emozionale. Punto. Dal primo aprile è necessario un aggiornamento: “The Wilderness”, settimo album in poco meno di vent’anni di attività, vede una (almeno parziale) svolta elettronica nello stile della band texana e un cambiamento nella scrittura dei testi. Per quanto non sia questione di essersi snaturati e, quindi, non abbia senso attaccare con la litania del “Ah, ma sono irriconoscibili, non sono più come prima” (e “prima”, in questo genere di discorsi, fa inevitabilmente rima con “meglio”), per quanto il risultato possa o no piacere (de gustibus), ci sono alcune considerazioni che bussano all’orecchio di chi ascolta.
“The Wilderness” arriva a cinque anni di distanza da “Take Care, Take Care, Take Care”, un lungo arco di tempo durante il quale la band ha lavorato a tre colonne sonore. Eredità che si percepisce chiara in quest’ultimo album, le cui tracce sembrano (o sono?) congeniate come accompagnamento a immagini: le “Scenes from the Wilderness”, condivise online in presentazione dell’album (http://thewilderness.space/), sposano infatti ogni traccia a un fermo immagine di soggetti urbani o naturali, con sola variazione di luce e colore nello svolgersi del brano. Le immagini sono di ottima qualità e il risultato è interessante, ma non particolarmente entusiasmante da guardare a oltranza.

Se il marchio di fabbrica degli EITS era – a ora – un lavoro per sottrazione, con “The Wilderness” si procede per accumulo, stratificando il suono su più livelli di strumentazione. Il risultato è ben bilanciato, ma il complesso pecca in immediatezza, sfociando a volte in una certa dose di prevedibilità (la title track su tutte sembra già ascoltata dopo soli trenta secondi) e nella tendenza a tirare i brani un po’ troppo per le lunghe. Ci si aspetta l’esplosione da un momento all’altro, ma quando arriva è meno colossale del previsto. Piacevolissima eccezione è “Disintegration Anxiety”, brano imprevedibile in cui fino all’ultimo è complesso stabilire con precisione cosa si stia ascoltando.

Un album da ascoltare per chi “don’t wanna miss a thing” degli EITS ma che, essendosi innamorato delle esplosioni nel cielo quando facevano molto rumore (e molto commuovere) e sentendosi ora un po’ deluso, tornerà presto ad ascoltare le perle precedenti. (La copertina però è bellissima, vero?)

Tracklist
1. Wilderness
2. The Ecstatics
3. Tangle Formations
4. Logic of a Dream
5. Disintegration Anxiety
6. Losing the Light
7. Infinite Orbit
8. Colors in Space
9. Landing Cliffs
 
 

FUR – Facing Home Mixtape EP

I FUR ci fanno perdere la trebisonda e ci mandano metodicamente in brodo di giuggiole, con la loro indole rétro che, ovviamente, si ...

Love Fame Tragedy – Wherever ...

Quest’anno alcuni ex leader di indie rock band made in UK hanno pubblicato i loro primi lavori da solisti. Si parla, ad esempio, di ...

Julianna Barwick – Healing Is ...

L’artista statunitense Julianna Barwick, di stanza a Brooklyn dopo i primi anni trascorsi tra Louisiana, dove è nata, e Missouri, con ...

Rufus Wainwright – Unfollow ...

Rufus Wainwright è tornato! E non si tratta solamente di un ritorno discografico, perchè con “Unfollow the Rules”, il ...

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...