MUTUAL BENEFIT
Skip A Sinking Stone

[ Mom/Pop - 2016 ]
7
 
Genere: Post wave
 
16 giugno 2016
 

Dopo aver concepito quasi una “piccola storia a sè” tre anni orsono con l’album “Love’s Crushing Diamond”, il folk singer americano Jordan Lee – in arte Mutual Benefit – ci riprova con “Skip A Sinking Stone”, un disco di ballate immatricolate nell’indie-folk last generation (neo folk) che si portano a rimorchio anche stratificate linee dream pop dolciastre, sintomo e gioia imbronciata di una solitaria espansione d’animo che il texano conserva in grembo.

Dodici tracciati che esplorano l’intimità, la consapevolezza e la – mai nascosta – timidezza che piano piano riesce a mettere fuori lo sguardo nella realtà, e questo nuovo lavoro è un lampo delicatissimo di luce che fa intravedere, intuire una maturità accelerata in cui Mutual Benefit accetta di uscire definitivamente allo scoperto, ancora lentamente, ma definitivamente.

Scritto tra lo studio Silent Barn di Brooklyn e durante l’on the road dell’artista, il disco è una chicca immaginifica, tra Bon Iver e certi Fleet Foxes è tutto un fascio di melodia sognante, e brani come “Skipping stones”, “Lost dreamers”, l’aria rarefatta di “Nocturne”, il pianoforte severo di “City sirens” e la finale “The Hereafter” danno assuefazione garantita.

Tracklist
1. Madrugada
2. Skipping stone
3. Closer, still
4. Lost dreamers
5. Getting gone
6. Not for nothing
7. Nocturne
8. Slow march
9. Many returns
10. City sirens
11. Fire escape
12. The hereafter
 
 

J Mascis – Elastic Days

I dischi solisti di J Mascis ormai non sono più una sorpresa. Ha iniziato a spogliarsi del rumore folle praticato dai Dinosaur Jr. a metà ...

Sun Kil Moon – This is My ...

Dopo il recente passaggio solista tout court, Mark Kozelek torna a scrivere per il progetto Sun Kil Moon ed il prodotto è questo ...

Francesco Di Bella – ‘O ...

Francesco Di Bella, ex frontman dei 24 Grana, gruppo cardine degli anni ’90, ritorna con un nuovo album di inediti, a distanza di due anni ...

Papercuts – Parallel Universe ...

Dopo quattro anni dall’ultimo disco “Life Around the Savage”, torna Jason Quever con i suoi Papercuts, e conferma la sua ...

Rude Dude and the Creek Freaks ...

Cosa succede se unisci il post punk con il garage rock? Effettivamente non è una domanda che mi son mai posto, anche perché non ho mai ...