LATERAL BLAST
La Luna Nel Pozzo

[ autoprodotto - 2016 ]
 
Genere: rock prog
 
28 Giugno 2016
 

Con brividi, ricordi ed emozioni a bizzeffe si riaffacciano dolce/prepotentemente gli anni Settanta dei voli fiabeschi del grande Progressive, e lo fanno per mano e suono dei romani Lateral Blast, formazione a sei che con il nuovo album, La luna nel pozzo, portano l’ascoltatore nel focus di una storia immaginifica, rarefatta, pindarica dove parole, sogni, colori sono la cloche del trip che guida lungo direttrici e traiettorie infinite.

Altro grande personaggio oltre alla bella voce espressiva di Rosa Zumpano è il flauto traverso suonato dalla stessa, grande protagonista dell’Era che fu e fattore di ricamo che stimola ancor di più a spiccare il volo verso le verticali di questo disco e poi rituffarsi a corpo morto dentro i gorghi profondi poetici che esso rivela.

I Lateral Blast riportano a galla gli splendori di Quella Vecchia Locanda, Dolce Acqua, Jumbo, Panna Fredda (per citarne alcuni) e tutto quel magistero di oniricità maestosa, quel chiudere gli occhi ed essere subito in un’altra parte del cosmo senza muovere mai un passo. Stabiliscono un ponte tra irrealtà e magia in maniera eccelsa Come nuvole, l’epicità di Le urla dei bambini, l’armonia sotto vetro Io voglio volare, l’impeto Suite per lei, il diamante nero Scheletro (feat. Daniele Coccia del Muro del Canto) sono solamente alcuni esempi a ribadire di come la bellezza – fatta musica – non potrà mai zittirsi, scomparire, morire. Disco DOC!

Tracklist
1. Intro
2. L’ululato
3. Come nuvole
4. Troubadour
5. Le urla dei bambini
6. Io voglio volare
7. Silenzio
8. Hellesylt
9. Il morto felice
10. Suite per lei
11. Scheletro
12. La luna nel pozzo
 
 

Braids – Shadow Offering

Inizia con la dichiarazione di un amore fugace contenuta nell’opening track “Here 4 U” il quarto album in studio della ...

Cloud Nothings – The Black ...

Era ottobre 2018 quando i Cloud Nothings avevano pubblicato, via Wichita Recordings, il loro quinto LP, “Last Building Burning”: ora la ...

The Beths – Jump Rope Gazers

Diamo il bentornato ai simpatici Beths di Auckland che danno un seguito al piacevolissimo esordio di due anni fa. Il quartetto cambia un ...

Khruangbin – Mordechai

Tornano i mariachi del groove texani dopo l’ottimo “Con Todo El Mundo”, e lo fanno dimostrano un invidiabile stato di ...

Sault – Untitled (Black is)

In un mondo di sovraesposizione mediatica i Sault si fanno notare per la loro misteriosa identità: arrivati al terzo album, di cui due ...