THE AVALANCHES
Wildflower

[ XL/EMI - 2016 ]
8
 
 
11 Luglio 2016
 

I’m trying, but I just can’t get you /Ever since the day I left you”. Li avevamo lasciati così i The Avalanches, con le ultime parole di quel gran concept album chiamato “Since I Left You” uscito nel 2000. Negli anni successivi di questi misteriosi party animal australiani, gran conoscitori di vinili e consumatori industriali di sample, sembravano essersi quasi perse le tracce. Vittime del successo di un disco volato oltre le loro più rosee aspettative. Prigionieri di un perfezionismo brutale che li ha costretti a provare e riprovare centinaia di volte, a fare e disfare all’infinito prima di dichiararsi soddisfatti di questa nuova fatica. Nel frattempo i The Avalanches hanno perso diversi pezzi per strada (Darren Seltmann, DJ Dexter Fabay) e oggi al timone ci sono solo Robbie Chater e Tony Di Blasi, con James Dela Cruz che va e viene e un po’ di amici chiamati a far squadra in questo strano viaggio pieno di autostoppisti e materia grigia in movimento.

Ascoltando, trepidanti, “Wildflower” si capiscono immediatamente alcune cose: che in questi quindici e passa anni Chater e Di Blasi si sono tenuti informati su chi è chi nel mondo musicale, che non hanno voluto fare per forza un clone di “Since I Left You”. E che la scena dance / elettronica odierna gli va stretta. I The Avalanches restano dei DJ vecchio stampo e da lì non si spostano di un millimetro. Maestri del taglia e cuci e innamorati dei mixtape, da bravi fanatici dell’hip hop. Poco personaggi e molto fedeli a se stessi anche a costo di non essere (più) di moda. Il party stavolta dura giusto qualche canzone, poi si parla più che altro della mattina dopo. Quando sorge il sole, l’adrenalina scorre ancora nelle vene, si torna a casa e c’è già un po’ di nostalgia per quello che è successo di notte. Certo, se si dorme sul divano di Chater e Di Blasi si fanno incontri interessanti. Tipo i Camp Lo seduti in giro, Kevin Parker che suona la batteria, Danny Brown e Doom che furoreggiano a suon di calypso in “Frankie Sinatra”, Chaz Bundick aka Toro Y Moi che si fa un caffè di ritorno da un trip benigno in “If I Was A Folkstar”, Jonathan Donahue dei Mercury Rev che gorgheggia in “Colours”, “Kaleidoscopic Lovers” e “Harmony”, la stranissima coppia Jennifer Herrema & Warren Ellis che fa gli onori di casa in “Stepkids”, Father John Misty e David Berman che ti stravolgono un sabato sera qualsiasi.

Paragonare “Wildflower” a “Since I Left You” e al mito che ha finito per circondarlo non ha senso. Quasi sedici anni dopo è tutto diverso, le mani di chi crea e le orecchie di chi ascolta. I The Avalanches di allora erano stati in grado di trovare la propria identità prendendo a prestito quelle altrui, un campionamento dopo l’altro. Ci riescono anche oggi quando farlo è ben più difficile ma a Chater e Di Blasi non sembra importare granché. Si sono rimboccati le maniche e hanno creato un mondo pazzo, tutto da scoprire. Dannatamente divertente, orgogliosamente malinconico. E tanto basta perché “Wildflower” è uno di quegli album da prendere in blocco e non a pezzi altrimenti ci si perde il meglio, cosa che in epoca di singoli e download farà innervosire o annoiare qualcuno. Un disco – fiume da ascoltare così come viene o leggendo le note a margine in piccolo (aiutino: sample sparsi di Lou Barlow, Jerry Lewis, di Chandra, dei Bee Gees e “Come Together” dei Beatles cantata da un coro di bambini previa approvazione di Sir Paul e Yoko Ono in “The Noisy Eater”). “Wildflower” è lo schizofrenico, psichedelico, colorato “Infinite Jest” degli Avalanches. Fuori dal tempo e dalla storia. Dopo una così lunga assenza non era mica scontato.

Tracklist
1. The Leaves Were Falling
2 . Because I’m Me
3. Frankie Sinatra (Feat. Danny Brown & MF Doom)
4. Subways
5. Going Home
6 . If I Was a Folkstar (Feat. Toro y Moi)
7. Colours (Feat. Jonathan Donahue)
8. Zap!
9. The Noisy Eater (Feat. Biz Markie & Jean-Michel Bernard)
10. Wildflower
11. Harmony
12. Live A Lifetime Love
13. Park Music
14. Livin’ Underwater (Is Something Wild)
15. The Wozard Of Iz (Feat. Danny Brown)
16. Over the Turnstiles
17. Sunshine
18. Light Up
19. Kaleidoscope Lovers
20. Stepkids (Feat. Jennifer Herrema & Warren Ellis)
21. Saturday Night Inside Out (Feat. Father John Misty & David Berman)
22. Frankie Sinatra (Extended Mix) (Bonus Track)


 
 

Greg Dulli – Random Desire

E’ raro fare qualcosa per la prima volta, dopo trent’anni di onorata carriera. Succede a Greg Dulli (Afghan Whigs, The Twilight Singers) ...

Beach Bunny – Honeymoon

Attesissimo (dal sottoscritto) l’esordio sulla lunga distanza della band di Lili Trifilio non possiamo dire che deluda, ma non riesce ...

Oh Wonder – No One Else Can ...

Avevo riposto delle discrete aspettative su questo nuovo lavoro del duo londinese, gran parte delle quali però disattese. Dispiace, perché ...

The Men – Mercy

Incredibile ma vero, i The Men sono riusciti a registrare ben tre dischi di fila con la stessa formazione. “Mercy” è l’ottavo album ...

Mariana Semkina – ...

Primo album solista per Marjana Semkina, voce degli iamthemorning (sempre lei nonostante lo spelling diverso del nome a lettere gotiche in ...