OGGI “TIDAL” DI FIONA APPLE COMPIE 20 ANNI

 
23 Luglio 2016
 

Nel 1996 usciva “Tidal”, l’apprezzatissimo album di debutto di Fiona Apple contenente brani come “Sullen girl”, “Sleep to dream”, “Shadow Boxer”, “Criminal” e “Pale September”, per niente acerbi e che già rispecchiavano fedelmente l’identità artistica della cantante e pianista allora diciannovenne.

Quello che Fiona suona non è un riadattamento di generi che sanno di vecchia soffitta rispolverata (ciao Michael Bublé, se ci sei batti un colpo): il suo blues barra jazz barra pop è infatti estremamente personale e innovativo, per quanto sia orribile l’attributo “innovativo” in ambito musicale. Se a questi ingredienti magici si aggiunge una testa pensante di livello ben superiore a quello normalmente apprezzabile nello show business degli anni Novanta – ma anche attuale – viene da domandarsi come mai non sia una delle figure più acclamate del settore. La risposta sta nel fatto che Fiona Apple non è mai stata semplificabile né riducibile ai minimi termini.

È la dimostrazione pratica di come va quando non si cede ai compromessi. I più ricorderanno il discorso in occasione del premio come Migliore Artista Emergente agli MTV Video Music Awards del 1997, nel quale non esitò ad esprimere ciò che riteneva deprecabile con un incipit bello diretto («This world is bullshit») e un «Go with yourself» finale che più che un congedo era un invito a muso duro rivolto all’intera umanità. Inutile dire che le antipatie di giornali e amanti del bon ton hanno riecheggiato nei secoli dei secoli.

A vent’anni di distanza, però, non si può far altro che apprezzare. In quanti riescono a mettere in discussione davvero tutto, anche lo stesso palco che li sostiene? E per quanti questa messa in discussione non è una semplice richiesta di attenzioni ma una denuncia forte e genuina? Ben pochi.

Siamo nel 2016, Fiona Apple ha quasi 39 anni e quattro album alle spalle, ma le cose non sono affatto cambiate. È cambiato il suo indice di massa corporea, quello sì, e ha il viso di chi ne ha passate abbastanza, ma la personalità, la delicatezza e la grinta dei live sono esattamente le stesse di “Tidal”, solo con dello spessore in più. Una vera extraordinary machine.

Fiona Apple – “Tidal”
Data di pubblicazione: 23 luglio 1996
Registrato: 1995-1996
Tracce: 10
Etichetta: Work, Columbia
Produttori: Andrew Slater 

Tracklist
1. Sleep to Dream
2. Sullen Girl
3. Shadowboxer
4. Criminal
5. Slow Like Honey
6. The First Taste
7. Never Is a Promise
8. The Child Is Gone
9. Pale September
10. Carrion

 

L’omicidio di Floyd George. ...

Ut sementem feceris, ita metes. Le conseguenze delle nostre scelte e delle nostre azioni non sono casuali, non lo sono mai. C’è una ...

Wishlist: i dieci dischi più ...

Ogni mese escono valanghe di dischi. Pure troppi a volte. Starci dietro non è facile, nemmeno per noi. Così sulla nostra personale agenda ...

Oggi “The Firstborn Is ...

Nick Cave. Il vampiro di Warracknabeal ha la pelle dura e la sua linfa vitale e artistica sembra essere senza fine, come una scorta nascosta ...

Oggi “Rites Of Spring” dei ...

Leggenda metropolitana vuole che i Rites Of Spring abbiano fatto una dozzina di concerti, eppure è innegabile l’impatto che hanno avuto ...

Oggi “Hunting High And Low” ...

Ah, la Norvegia. Terra di fiordi e sole a mezzanotte; di merluzzi appesi alle rastrelliere e chiese in fiamme. È inutile starci a girare ...