CAMP COPE
Camp Cope

[ Poison City - 2016 ]
7
 
Genere: Alt-slacker rock
Tags:
 
26 luglio 2016
 

Chi sono le Camp Cope; una fantastica band all female australiana, un trio effervescente chi si fa forza energetica dentro il nuovo movimento nineties revival che sta esplodendo ovunque nel globo, e loro, queste tre “ragazzacce”, ci danno sotto in maniera divina, un alt-rock dallo spirito punkyes che qui, nel loro disco omonimo nuovo di zecca, spampazza forte, uno di quei dischi che si divorano ad altissimo volume in pochi minuti e che diventato “ossessione” per vicini di casa o deboli di nervi.

Sulla scia di band similari (tra le tante) Hop Along, Hotelier, Modern Baseball, le Camp Cope – con la strepitosa voce di Georgia – in queste otto tracce spaccano di brutto, melodia e distorsori in un amplesso libidinoso, brani-hook che catturano subito l’attenzione e prendono possesso delle articolazioni muscolari istigandoli a poghi straordinari, un cortocircuito che non perde mai intensità, di buona seduzione slabbrata amplificata.

Basso, chitarra e batteria e tanto “ vizio generazionale” per un ascolto vivo, la ballata “Flesh and electricity”, il fuoco alla Hole Lost (“Season one”), la spennata nervosa di “Trepidation” e la fragilità field di “Song for Charlie” per sognare ad orecchi espansi. Good Vibrations!!

Tracklist
1. Done
2. Flesh and electricity
3. West side story
4. Lost (season one)
5. Jet fuel can’t melt steel beams
6. Trepidation
7. Stove lighter
8. Song for Charlie
 
 

J Mascis – Elastic Days

I dischi solisti di J Mascis ormai non sono più una sorpresa. Ha iniziato a spogliarsi del rumore folle praticato dai Dinosaur Jr. a metà ...

Sun Kil Moon – This is My ...

Dopo il recente passaggio solista tout court, Mark Kozelek torna a scrivere per il progetto Sun Kil Moon ed il prodotto è questo ...

Francesco Di Bella – ‘O ...

Francesco Di Bella, ex frontman dei 24 Grana, gruppo cardine degli anni ’90, ritorna con un nuovo album di inediti, a distanza di due anni ...

Papercuts – Parallel Universe ...

Dopo quattro anni dall’ultimo disco “Life Around the Savage”, torna Jason Quever con i suoi Papercuts, e conferma la sua ...

Rude Dude and the Creek Freaks ...

Cosa succede se unisci il post punk con il garage rock? Effettivamente non è una domanda che mi son mai posto, anche perché non ho mai ...