cyclo-movie
 

WIDE SCREEN #9: CYCLO DI TRAN ANH HUNG

9
 
 
24 agosto 2016
 

Ho Chi Minh, ex Saigon. “Cyclo” (“Le Van Loc”) è un bambino e come tutti nella sua famiglia deve lavorare per vivere. Porta i soldi a casa facendo il tassista con un risciò, preso a noleggio da una boss della malavita locale. Quando questo gli viene rubato, per ripagarlo è costretto a lavorare per una gang di malviventi e fa la conoscenza del capo soprannominato “il Poeta” (Tony Leung Chiu Wai) che, costringe la sua sorella più grande (Tran Nu Yên-Khê) a prostituirsi.

Il regista franco-vietnamita Tran Anh Hung, alla seconda prova dopo “Il profumo della papaya verde”, usa la cinepresa come una lente d’ingrandimento sul formicaio brulicante di promiscuità e violenza in cui sono immersi i protagonisti. Il risultato che ne esce fuori è un ritratto neorealista e senza stereotipi della società vietnamita, dopo la fine della guerra del Vietnam e la “liberazione” di Saigon, che può trovare come pellicole di riferimento “Ladri di biciclette” e “Sciuscià”.

Il film di Anh Hung è infatti portatore delle stesse esigenze che avevano mosso De Sica e Rossellini nell’immediato dopoguerra; la voglia d raccontare una società che provava a rinascere dalle proprie ceneri. A differenza però dei capolavori italiani, dove non viene utilizzato alcun artifizio registico nella messa in scena “nuda e cruda”, in “Cyclo” le vite dei personaggi sono manipolate e montate in un carillon allucinato di disperazione che ne proietta sullo schermo le paure e il desiderio di redenzione. Vincitore del Leone d’oro alla 52ª Mostra di Venezia, è uno dei film più belli degli anni 90′.

Paese: Vietman
Anno: 1995
Durata: 123 min
Regia: Trần Anh Hùng
Prodotto: Christophe Rossignon
Scritto: Trần Anh Hùng
Cast: Lê Văn Lộc, Tony Leung Chiu Wai, Trần Nữ Yên Khê
Musiche: Tôn-Thât Tiêt
 

WIDE SCREEN #8: THE WICKER MAN (THE ...

Rowan è una lepre Neil Howie (Edward Woodward), un cattolico e diligente sergente di polizia,…

WIDE SCREEN #7: LA CAPAGIRA di ...

Bari vecchia, pesci piccoli della malavita si dedicano al contrabbando di droga e sigarette. Sabino…

EXTRA SHOT #6: EDWARD MANI DI ...

Se si pensa alla rappresentazione del gotico al cinema il primo nome che viene in…

WIDE SCREEN #6: PRIMER di Shane ...

Di notte e nei weekend, un gruppo di ingegneri lavora senza sosta in un garage…

WIDE SCREEN #5: POSSESSION di ...

Capitolo I: L’incubazione Pochi film possono vantare un percorso tormentato come “Possession”, anche se forse…