RYLEY WALKER
Golden Sings That Have Been Sung

[ Dead Oceans - 2016 ]
7
 
Genere: Folk, songwriting
 
6 settembre 2016
 

Piccola metamorfosi di un artista. Questo è quello che viene in mente ascoltando “Golden Sings That Have Been Sung”, terzo disco del prodigio della sei corde a stelle e strisce Ryley Walker dopo “All Kinds Of You” e “Primrose Green” più svariati EP e diverse prove giovanili comparse su cassetta a tiratura limitata e limitatissima. Si dice che il secondo disco sia quello più difficile, ma nel caso di Ryley Walker è stato questo terzo album a creare problemi. Non volendo riproporre invariata la formula già sperimentata nel 2014 e nel 2015, il musicista di Chicago ha deciso di cambiare registro e influenze.

Passando da quel folk che tanto doveva alla tradizione britannica (Bert Jansch e Nick Drake su tutti) a suoni e soluzioni più vicine all’indie folk di razza anche grazie alla scelta di Leroy Bach (ex Wilco) come produttore. Non una rivoluzione sia ben chiaro, ma appunto una metamorfosi. E se “The Roundabout”, “The Halfwit In Me” e “Age Old Tale” sembrano messe lì apposta per ricordare il recente passato, il resto dell’album non vive certo di rimpianti e malinconie. Il nuovo corso è rappresentato soprattutto da “A Choir Apart”, che mette insieme la sincerità a cui Ryley Walker ha abituato con un arrangiamento inedito per lui. Tre i brani più riusciti: la “Funny Thing She Said” già proposta dal vivo e qui rivista in chiave più riflessiva, l’intensa “Sullen Mind” e le storie a cuore aperto di “The Great And Undecided”.

Ma a stupire è soprattutto che Ryley Walker abbia deciso di mettere il proprio talento chitarristico al servizio delle canzoni, rinunciando spesso a virtuosismi da fingerpicker provetto in favore della semplicità. “Golden Sings That Have Been Sung” non è l’album perfetto né vuole esserlo. Nato da una serie di idee estemporanee e meno rifinito di “All Kinds Of You” e “Primrose Green”, sembra proprio essere il classico disco di transizione. Un elegante passaggio di consegne tra passato e futuro. L’inizio di un nuovo capitolo nella carriera di Ryley Walker, che comunque dimostra ancora una volta il suo valore.

Tracklist
1. The Halfwit In Me
2. A Choir Apart
3. Funny Thing She Said
4. Sullen Mind
5. I Will Ask You Twice
6. The Roundabout
7. The Great And Undecided
8. Age Old Tale
 
 

The National – I Am Easy To ...

Seguendo i National da molti anni, non mi aspettavo di incontrare nel loro percorso artistico una tappa come quella rappresentata da “I Am ...

Mac DeMarco – Here comes The ...

La noia come ragion d’essere. La noia come atto costitutivo della più alta forma di creatività. Mac DeMarco in “Here Comes the ...

Peter Doherty and The Puta Madres ...

Esce finalmente anche l’attesissimo omonimo lavoro di Peter Doherty & The Puta Madres ovvero il terzo e nuovo progetto per il frontman ...

Nick Murphy – Run Fast Sleep ...

“Run Fast Sleep Naked” è il primo album pubblicato dal cantante sotto il nome di Nick Murphy. L’ex Chet Faker ha dunque, ...

Rose Elinor Dougall – A New ...

Alzi la mano chi oggi si ricorda delle Pipettes, band inglese che fece capolino nelle playlist indie pop di metà anni 2000. Probabilmente ...