SAM COOMES
Bugger Me

[ Domino - 2016 ]
7
 
Genere: psych-pop, alternative-indie
 
22 Settembre 2016
 

Sam Coomes è una delle mie tardive ma graditissime “scoperte” di polistrumentisti dalle molteplici e variegate collaborazioni e progetti.
Nato in Texas nel 1964 ma cresciuto in California, e attualmente di stanza a Portland, è conosciuto soprattutto per la sua attività nel duo Quasi con la ex moglie Janet Weiss.
“Bugger me” viene presentato come il suo primo lavoro solista, ma in realtà già vi era stato un antecedente nel 2003, un album di blues psichedelico, sotto il nome di Blues Goblins.

Ma venendo all’oggi, quanto all’impatto immediato che abbiamo con il primo brano e singolo, “Stride on”, grazie all’organo che accompagna la voce suadente e un po’ acida, il tutto risulta molto anni ’60, psichedelico e accattivante.
Già si annuncia e conferma quello che Coomes stesso ha dichiarato, di aver voluto un disco di intrattenimento, ma per chi non gradisce l’intrattenimento mainstream.
In “Tough times in plastic land/ Everybody loves a war” percussioni e rumori sintetizzati aprono a qualcosa di sottomarino e onirico, accompagnano la voce che non manca di colpire per espressività, e la tastiera interviene poi a sottolinearla.
Immagini ferine e antropomorfe si affacciano nella seconda parte alla mente, show di freak sotterranei che proseguono come in marcia in un surreale corteo.

Anche se i riferimenti espliciti di Coomes sono i Beach Boys (incrociati con i Suicide, sic), “Shined it on” la trovo non solo sixties, ma beatlesiana, nel pulpito dato alla voce e particolarmente alle parole, mentre la beat box pulsa come un cuore stanco e malinconico.
“Lobotomy eggs” è cinematografica, con gli arpeggi ossessivi del synth che si estendono senza parole come su un paesaggio che chiede di essere riempito di storie.
Dopo l’intermezzo di vibrazioni sonore e verbali sospese e meditative di “The tucchus pt.1”, un nuovo avvio languido e straniato si ha con “Cruisin’ Thru/ Just like the rest” per poi mollare le briglie e arrivare alla fine ad essere il momento più rock, e quello in cui più mi sembra di vedere la preannunciata metamorfosi, se non proprio la fusione, tra Beach Boys e Suicide.
Rallenta i battiti “Fordana” mesta e solenne, la voce è allo stesso tempo forte e spezzata, urlata e sussurrata, su un tappeto sonoro denso e nebbioso. Quindi dagli spazi interiori a quelli infiniti ci proietta “Corpse rider”, estrema e impeccabile psichedelia strumentale.

Il rumorismo di passaggio di “The tucchus pt.2” fa intendere che si potrebbe andare anche molto oltre a giocare con l’assurdo sotteso (e fa venire l’acquolina per eventuali seguiti), mentre la title-track chiude l’album con un bel blues psichedelico, il ritmo senza tempo di un cuore che batte lanciato come messaggio nello spazio per un’eventuale incontro alieno, a dire questa è la specie umana adesso e tra mille anni se ancora ci sarà, in luci e ombre, materia e immaginazione, malinconie e spasso.

Tracklist
1. Stride on
2. Tough times in plastic land/ Everybody loves a war
3. Shined it on/Lobotomy eggs
4. The tucchus pt. 1
5. Cruisin' Thru/ just like the rest
6. Fordana
7. Corpse rider
8. The tucchus pt. 2
9. Bugger me
 
 

Nick Cave & Warren Ellis ...

La notizia del nuovo album di Nick Cave è arrivata qualche mese fa tra le righe dei suoi “Red Hand Files”, umanissima newsletter in cui ...

The Pretty Reckless – Death ...

Come mamma l’ha fatta – con le parti intime celate da una elegante posa – si presenta la bella Taylor Momsen sulla ...

Indigo Sparke – Echo

Se andate in brodo di giuggiole per il sound folk femminile à la Marissa Nadler o Aldous Harding, allora dovete decisamente farvi il regalo ...

Madeline Kenney – Summer ...

Uscito a sorpresa lo scorso 22 gennaio un nuovo mini album, pubblicato dalla label Carpark Records, della statunitense Madeline Kenney che ...

Pale Waves – Who Am I?

“Who Am I?” Bella domanda… chi sei Heather Baron-Gracie? Avril Lavigne? Alanis Morisette? Dolores O’Riordan? Bo. Una cosa è certa: ...