L’ATTIMO FUGGENTE 26 SETTEMBRE 2016

 
29 Settembre 2016
 

01. Il Nostro Singolo della Settimana: Thisell – Black Bird
02. A Singer of Songs – Sober Now
03. Mouth 4 Rusty – Take The Queen
04. Sorry Gilberto – Yellow Sweater
05. Ian Fisher – Whole Lotta Room
06. Joe Sampson – Paper Dolls
07. Gareth Dickson – The Big Lie
08. The Saxophones – Best Boy
Oldies, But Goldies: Arab Strap – Philophobia [Chemikal Underground 1998]
09. Arab Stap – Here We Go
10. Arab Strap – New Birds
11. Arab Strap – Not Quite A Yes
12. American Football – I’ve Been So Lost For So Long
13. Owen – An Island
14. Hope Sandoval feat. Kurt Vile – Let Me Get There
15. Marissa Nadler – The Best You Ever Had
16. Faith Elliott – Distance
17. Liza/Lisa – Red Pine
18. Modern Studies – Swimming
19. Jóhann Jóhannsson – A Song For Europa
20. Matt Christensen – Honeymoons
21. Il Nostro Bacio della Buonanotte: Slowdive – All Of Us

IL SINGOLO DELLA SETTIMANAThisell – Black Bird:

thisell

Thisell

Peter Thisell, svedese, in arte semplicemente Thisell, si presenta come cantante, autore, viaggiatore, padre, compagno, figlio. Noi l’abbiamo scoperto per caso, tra mille altre produzioni su Bandcamp, e la sua musica ci ha subito colpito: era, per dirla con parole sue, “come il suono di un’anima messa a nudo”. Dopo l’album d’esordio del 2013 e un e.p. lo scorso anno, supportato da un gruppo di amici di talento, Thisell ha fatto uscire il secondo album, titolato semplicemente “II” e intrapreso un tour europeo che presto lo porterà anche in Italia.
La sua musica è un folk emotivo, caratterizzato da arrangiamenti raffinati e sanguigni, in cui gli elementi della tradizione popolare svedese si amalgamano con l’Americana. Canzoni che trascendono il tempo e le culture, cantate con una voce potente e vulnerabile.
In “If I Sing My Song”, primo singolo tratto dal nuovo lavoro, Thisell sussurra “I won’t let this world break my back“, ma l’opposizione a un mondo sempre più caotico e rumoroso è fatta alle sue condizioni: anteponendo i sentimenti e le emozioni a ogni altra cosa. “Black Bird”, il nostro nuovo singolo della settimana, è il brano che chiude “II” con una sorta di cullante ninna nanna: “Lay here and listen” ci dice “breathe in the sounds of love, longing and connection”. Fatelo.

L’Attimo Fuggente è una trasmissione radiofonica in diretta, condotta da Francesco Amoroso e Raffaello Russo, che va in onda ogni lunedì, dalle 21:00 alle 23:00 su Radio Città Aperta in streaming (http://radiocittaperta.it/onair). Giunto alla sua settima stagione, attraverso la radio e la propria pagina Facebook, grazie a rubriche, piccoli speciali e monografie in pillole, tantissime anteprime e novità, ma anche recuperi dal passato prossimo e remoto, coinvolgenti live acustici in studio, L’Attimo Fuggente tenta di dare assoluto ed esclusivo risalto alle emozioni nella musica. Le mode, i generi, il successo, vanno e vengono, ma le emozioni che la musica riesce a regalare rimangono per sempre.

Parafrasando il protagonista dell’omonimo film degli anni novanta:Non ascoltiamo e suoniamo musica perché è carino: noi ascoltiamo e suoniamo musica perché siamo membri della razza umana; e la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento; ma la musica, la bellezza, il romanticismo, l’amore, sono queste le cose che ci tengono in vita.

 

“Gigaton” e la ...

di Elena Castagnoli Sono tempi difficili, amplificati da un virus che attanaglia il mondo, costringe alle mura domestiche e a circondarsi ...

Album e Festival posticipati e/o ...

Tanti sono gli eventi live che sono stati cancellati a causa della difficile situazione sanitaria mondiale. Festival internazionali che sono ...

Oggi “A.M.” degli Wilco ...

Finita l’avventura degli Uncle Tupelo, alle metà degli anni ’90, Jay Farrar metterà su i Son Volt, mentre l’altro ...

Oggi “2020 Speedball”dei ...

Strano come le parole acquistino col tempo significati diversi. Prendiamo l’inizio dell’energica “2020” che con le sue chitarre ...

Oggi “King For A Day…Fool ...

I mesi a cavallo tra la fine del 1994 e l’inizio del 1995 furono alquanto turbolenti per i Faith No More. Una volta raggiunto quello che ...