WHITE LIES
Friends

[ BMG - 2016 ]
5
 
Genere: Indie, Rock/Pop
 
10 ottobre 2016
 

Li avevamo lasciati mentre accarezzavano i successi di “Big TV”, concept album tutto amore e gioventù. Ce li ritroviamo al cospetto, White Lies, ancora sulla scena – dopo un cambio di etichetta e la firma mainstream con BMG – con un nuovo disco di inediti, il quarto in carriera, “Friends”. Titolo non troppo emblematico, questo, ma che in sé spiega l’essenza delle 10 tracce in esso contenute. Brani amichevoli, tutti potenziali singoli, se presi singolarmente. Ma che, a conti fatti, non riescono a replicare la consistenza del predecessore, né tanto meno ad avvicinarsi alla freschezza e creatività dei primi due album di questa band, che a cavallo tra il 2009 e il 2011 se ne uscì con una collana di perle di quel post-punk ammiccante che tanto piace(va) al pubblico d’oltre Manica.

Peccato, perché il passaggio a una major pur nascondendo il possibile rischio di un cambio di rotta in termini di sonorità, lasciava comunque presagire una certa, maggiore accuratezza di contenuti. Ingredienti che in “Friends” non emergono, annacquati in un prodotto confezionato al meglio, ma che manca di spina dorsale. Prendete le liriche, ad esempio. L’abilità vocale di Harry McVeigh (voce e chitarre) non è mai in discussione, sebbene questo disco ruoti sempre e solo attorno a certe tematiche. L’amicizia che evolve, quella che cambia i propri connotati nel tempo, muovendosi verso un’età adulta in cui subentra una maggiore consapevolezza. Di sé stessi e di ciò che vi ruota attorno. Poi le stagioni, e una trita (e ritrita) metafora dell’estate come elemento separatore tra l’idealismo e una maturità se vogliamo più cinica. Tutto bello, ma, una domanda sorge spontanea: dove si vuole andare a parare?

Chitarre e synth sono gli attori protagonisti. Dalla opening track “Take It Out Of Me” (forse l’episodio migliore dell’intero LP) ai singoloni “Morning in LA” e “Hold Back Your Love” si arriva alla semi-ballata “I Don’t Wanna Feel At All”. Si comprende dopo una manciata di minuti che l’aria che tira su questo “Friends” non è delle più frizzanti. E’ un po’ stantia, al contrario, in un processo che per White Lies sembra coincidere con una quasi involuzione rispetto al passato. Senza contare la già menzionata condizione di scarsa ispirazione, in cui il trio sembra versare in maniera abbastanza irreversibile. “Summer Didn’t Change A Thing” prova a sparigliare le carte sul tavolo, ma al di là delle buone intenzioni, la sostanza è minima.

Rimane poco, allora, di un album in cui crediamo la voce di McVeigh sia ancora la cosa migliore, seppur in un contesto appannato e non all’altezza delle aspettative. L’impressione che se ne ricava è di una band intenta a cambiare il proprio processo creativo, ma non in grado di giungere a un punto. Ed è questo che più dispiace, perché il compitino va bene, ma non è ciò che si addice a una band di un certo spessore – acquisito a pieno titolo nel tempo – quale White Lies.

Tracklist
1. Take It Out on Me
2. Morning in LA
3. Hold Back Your Love
4. Don't Want To Feel It All
5. Is My Love Enough
6. Summer Didn't Change a Thing
7. Swing
8. Come On
9. Right Place
10. Don't Fall
 
 

B Boys – Dudu

La scena musicale DIY di New York non conosce il significato delle parole penuria o scarsità, non dobbiamo di certo annunciarlo noi: ...

Bon Iver – i,i

Il progetto Bon Iver era nato come l’espressione non di un leader all’interno di un progetto condiviso, ma come progetto cantautorale. ...

King Gizzard and the Lizard Wizard ...

Prima o poi doveva succedere, era scritto nella carne putrida e nelle carcasse di un ratto in decomposizione che sarebbero passati a far ...

The Hold Steady – Thrashing ...

Sono passati oltre cinque anni dall’album più recente degli Hold Steady, “Teeth Dreams”, uscito a marzo 2014: effettivamente è un ...

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...