TWO DOOR CINEMA CLUB
Gameshow

[ Parlophone - 2016 ]
5
 
Genere: indie rock, indie pop, indie electronic
 
26 Ottobre 2016
 

Sono irlandesi del Nord dal suono internazionale. Sono Alex Trimble, Sam Halliday e Kevin Baird, creatori ispirati di un elettronico indie rock che ha le mani sul sintetizzatore del futuro ma le orecchie piene di alt-rock e alt-pop del passato: sono i Two Door Cinema Club, e speravamo di poter parlare così del loro terzo album “Gameshow”.
Invece, possiamo limitare questa descrizione solo ai due lavori precedenti (“Tourist History” e soprattutto “Beacon”), forse stilisticamente molto simili ma decisamente riusciti ed efficaci.

Ed eccoci ora schiantati contro il loro terzo cd, frutto di un ritrovato connubio di intenti dopo una separazione provvisoria: si riaccende la fiamma creativa che si fa miccia di una decisa esplosione Anni Ottanta. Un mood che sguazza fiero e indisturbato in tutto l’album, rendendolo forse straniante e innovativo ma non convincente. Lo stile della band è rivoluzionato, attratto dalla disco music in modo evidente: è altro da quello che ci si aspettava sulla base dei lavori precedenti, e probabilmente le aspettative – molto alte – fanno fatica a dirsi soddisfatte o piacevolmente sorprese.
Il mulinello della disco è così: o se ne emerge trionfanti per aver mantenuto dei giusti equilibri (vedere alla voce Daft Punk) o esserne sopraffatti.
E, ahimè I Two Door Cinema Club restano a galla faticosamente, grazie a qualche boccata di ossigeno come “Are we ready? (Wreck)”, “Lavender” o “Gameshow”, che ancora conservano tracce dello stile originario del gruppo, o sperimentazioni vincenti (le trombe ad esempio). Tossicchiano in falsetto nella maggior parte degli altri pezzi,cercando una strada originale che si rivela più deleteria e asettica che altro: “Ordinary” rispecchia il suo titolo, “Fever” ci evoca paurosamente e fastidiosamente John Travolta, “Invincible”, “Good Morning” o “Surgery” trascinano con sé un senso di inadeguatezza e insoddisfazione., mentre “Je viens de là” è semplicemente fastidiosa.

Il disco non è brutto e neppure fatto male, ma forse sbagliato: ha riversato un barattolo intero di brillantina su dei frizzanti riccioli rossi, rendendoli sì immacolatamente strutturati e definiti, ma svuotandone il malessere selvaggio, il moto di spirito originario. Nelle 15 nuove canzoni (di cui 5 bonus track, con un live e due remix) le sperimentazioni sonore e le ricerche timbriche e ritmiche si sentono, i testi non sono ammassi di banalità, ma restano intrisi di pensieri alla radice interessanti: ed è proprio questo che fa rabbia.
“Gameshow” poteva essere un veliero con il vento in poppa, ma è diventato una nave da crociera dove resti fermo, incolume ma pervaso da un senso leggero di nausea. Per citarli, il disco è il porto di una serie di “Bad decisions”. Peccato.

Tracklist
1. Are We Ready? (Wreck)
2. Bad Decisions
3. Ordinary
4. Gameshow
5. Lavender
6. Fever
7. Invincible
8. Good Morning
9. Surgery
10. Je Viens De La
11. Gasoline (Bonus Track)
12. Sucker (Bonus Track)
13. Ordinary (Sam Holiday Remix) [Bonus Track]
14. Bad Decisions (Kev's Summer Time Madness Remix) [Bonus Track]
15. Gameshow (Live at Bonnaroo 2016) [ Bonus Track]
 
 

Lonely Guest – Lonely Guest

Una pruriginosa irrequietezza si insinua alle prese con questo “Lonely Guest” nel sapere che dietro questo pseudonimo si ...

W.H. Lung – Vanities

Secondo album per la band di Manchester dopo il meritato successo dell’esordio “Incidental Music” pubblicato nella ...

Marissa Nadler – The Paths of ...

Dicono che Marissa abbia avuto l’ispirazione per le canzoni di questo suo nono album in parte dalle visioni in lockdown della serie ...

Penelope Isles – Which Way To ...

E’ ovviamente un grande piacere poter ascoltare il sophomore dei Penelope Isles, che già ci avevano ben impressionato con il loro ...

Jerry Cantrell – Brighten

Torna come solista dopo diciannove anni il grande chitarrista e fondatore degli Alice in Chains, Jerry Cantrell, anche se questa volta lo fa ...