NEIL YOUNG
Peace Trail

[ Reprise - 2016 ]
6
 
Genere: songwriting, folk
Tags:
 
19 dicembre 2016
 

Sul sentiero di Neil Young va ad incastonarsi anche questa pietra forse non così definita, ma proprio per questo rara e in un certo senso anticommerciale.
Le maggiori perplessità emergono dalla mancanza di compattezza dietro il lavoro, che ha un suono non omogeneo, ma casuale.
L’idea del cantautore canadese è quella di tirare fuori dal cappello un album pieno di canzoni di protesta, però stavolta siamo ben lontani da una vetta come “Living with war” , scritto nel pieno della guerra in Iraq, dove Young si spinse a chiedere lo stato d’accusa per Bush.
Con “Peace Trail”, nonostante qualche buona traccia, ad esempio “Can’t Stop Working”, che si può vedere come un buon sunto delle tendenze folk contemporanee, si ha la sensazione di trovarsi dinanzi un disco innocuo, a discapito delle pretese iniziali.
La sua determinazione presente nel disco, come nella sua carriera, è l’elemento più amabile.
Young alla fine, prescindendo da questo lavoro, va comunque seguito e ammirato.

La narrazione dell’album si concentra sulla nazione indiana e sull’enorme dignità delle proteste, avvenute in questi mesi a Standing Rock, contro il Dakota Access. Proprio alcuni mesi fa il cantautore aveva scritto ad Obama insieme ai manifestanti: Le chiediamo, Presidente Obama, di intervenire e porre immediatamente fine alle violenze nei confronti delle persone che protestano pacificamente. Le intenzioni di fare un’opera che funzioni da linfa alle proteste e alle speranze delle persone sono chiari, ma nella costruzione di “Peace Trails” c’è qualcosa di mancante, e addirittura di fastidioso per la composizione musicale.

Forse ci sono troppi clichè, forse c’è stata troppa fretta nel presentare questo lavoro, ma dopotutto ci inchiniamo comunque al suo genio, dopo trentasei album in studio possiamo fare solo così.
La sensazione è che manchi qualcosa, o forse ci sia troppo da sentirsi vuoti e confusi. Ascoltando “Peace Trail” ci si sente come davanti ad un bellissimo palazzo coperto di pubblicità, i più accorti cercheranno di vedere i marmi pregiati della struttura, altri però rischiano di voltare le spalle e entrare in un fast food prima di aver notato le preziosità della carriera di Neil.
L’album forse sarà destinato a rimanere in un mucchietto di opere piuttosto anonime, allora ai nostri lettori non resta che riscoprire la vera anima di Young.

Tracklist
1. Peace Trail
2. Can’t Stop Workin’
3. Indian Givers
4. Show Me
5. Texas Rangers
6. Terrorist Suicide Hang Gliders
7. John Oaks
8. My Pledge
9. Glass Accident
10. My New Robot
 
 

Melanie De Biasio – Lilies

Presentando il disco nuovo, la stessa De Biasio aveva parlato di un disco contemporaneamente luminoso eppure oscuro. Ma quello che più ...

Nordgarden – Changes

Ritornato da pochi giorni con un LP di materiale inedito dopo sei anni dall’uscita di “You Gotta Get Ready”, Terje Nordgarden non è, ...

The Rasmus – Dark Matters

Tra il dire e il fare questi finlandesi sono già arrivati al nono album (il primo “Peep”, risale al 1996). Certo, il loro ...

The Districts – Popular ...

Il terzo “full length” degli statunitensi The District arriva nel 2017 via Fat Possum Records. I quattro ragazzi di Lititz, piccola ...

Ducktails – Jersey Devil

Ahi, qualcosa stavolta non funziona. Matthew Mondanile era atteso a dimostrare che il divorzio dai Real Estate aveva comunque avuto positive ...