TOP TEN ALBUM 2016 DI GIANLUIGI MARSIBILIO

 
22 Dicembre 2016
 

#10) POP X
Lesbianitj

[Bomba Dischi]

Un album che ha spaccato la musica italiana, il collettivo di Davide Panizza crea un’ opera straniante e surreale. Il disco è un omaggio drogato alla musica cantautoriale, e già questo basta per trovarlo interessante: tuttavia non si limita ad omaggiare, ma crea e racconta una storia completamente nuova, e se la prima qualità dell’arte è l’illusione, lasciamoci allora catturare dal mondo dei Pop x.

#9) TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI
Inumani

[Tempesta]

Davide Toffolo e la sua banda hanno girato e parecchio in questo 2016: “Inumani” è un lavoro splendido, un compendio, un tirar le somme di una carriera meravigliosa e importante per la nostra musica. La grande forza dei TARM è quella di non essere mai uguali a loro stessi, sempre diversi ma eccezionalmente sorprendenti canzone dopo canzone, album dopo album. Un gruppo, patrimonio della musica italiana, che è ora di scoprire, magari partendo proprio da Inumani.

#8) FRANKIE COSMOS
Next Thing

[Bayonet]

LEGGI LA RECENSIONE

Frankie Cosmos, nome d’arte di Greta Kline, è al suo album da sophomore, dove raggiunge una rotondità e compattezza nel suono e i suoi testi rimangono delle poesie lunghe, confuse, in qualche modo assurde. La giovane cantautrice USA è la vera sorpresa e scommessa del panorama indie pop, il talento è tanto, Next Thing è veramente un gioiello piacevole da scoprire. La Kline ha anche un’altra qualità, quando ci si immerge nelle sue canzoni ci si sente come amici da una vita: prendetevi una birra e mettete su “Next Thing”, vi sentirete come in una riunione tra vecchi compagni.

#7) GIORGIENESS
La giusta distanza

[Woodoworm]

Alla settima posizione non può non finire un album che ha visto la luce dopo 4 anni di intenso lavoro. Giorgie D’Eraclea ci aveva regalato un EP ben tre anni fa, e tutti aspettavano il suo debutto ufficiale. Il debutto è vincente, e l’autrice ha saputo conquistare il pubblico, anche grazie all’enorme mole di live svolti negli ultimi anni. Il risultato ottenuto con “La Giusta Distanza” è lo stesso avuto da vostra nonna che sbadatamente lascia il lavandino aperto in bagno per due ore, tutto si allaga e Giorgie ha l’opportunità di dire tutto come meglio può e lo fa veramente alla grande.

#6) BRIAN ENO
The Ship
[Warp]

Brian Eno è un genio, e il 24 febbraio scorso con “The Ship” ha dimostrato ancora una volta la sua grandezza. Il disco è un paesaggio, un dipinto innovativo, Brian Eno ci ha abituato da decenni all’innovazione, il suo linguaggio musicale è una continua ricerca e noi con lui ci mettiamo alla ricerca, soprattutto grazie alla sua musica. Aspettando il suo nuovo lavoro, godetevi questa creazione minimalista, un esperimento di cui tutti dovremmo far parte.

#5) MOTTA
La Fine Dei Vent’anni

[Woodworm]

La miglior opera prima al premio Tenco è effettivamente una gioia per la musica italiana: forse Francesco Motta non sarà un personaggio adatto all’hype, ma ha una presenza musicale tutta da amare e scoprire a fondo. Per conoscere in maniera adeguata questo ragazzo sentitevi liberi di andare ai suoi live, il disco è l’espressione di una grande e spiccata dote artistica. Motta sa suonare e la sua musica è completa, fresca e profonda.

#4) CASS MCCOMBS
Mangy Love

[Anti]

L’ottava fatica del cantautore è una perla, forse ancora poco conosciuta in Italia, che merita un ascolto attento. I clichè del folk targato USA sono scardinati e bagnati da una lieve psichedelia, il disco presenta anche dei temi politici molto accesi, e nel complesso è come un bellissimo palazzo tutto da scoprire, stanza per stanza: non abbiate paura a chiudervi anche nei bagni di “Mangy Love”.

#3) BON IVER
22, A Million
[Jagjaguwar]

LEGGI LA RECENSIONE

Justin Vernon è un artista, perché prende le incertezze, le stranezze della sua musica e crea un disco che testimonia quanto siano formidabili per un artista l’instabilità e l’essere disorientati dalla propria musica. Se Kanye West ha definito Vernon come il suo artista vivente favorito, c’è un motivo, anzi un milione di motivi per consacrare i Bon Iver a band culto.

#2) NICK CAVE & THE BAD SEEDS
Skeleton tree
[Bad Seed Ltd]

LEGGI LA RECENSIONE

Il disco è una narrazione aperta sull’undiscovered country (la morte). Nick Cave, sconvolto dalla morte del figlio, racconta con dettagli magnetici e profondi come si vive, si sente e si reagisce ad una disgrazia, e lo fa con la sua arma migliore: la perfezione. Un secondo posto che sa di primo, chi non ha ascoltato ancora il disco, chiuda la pagina, chiuda internet, chiuda il cellulare e lasci spazio a “Skeleton Tree”.

#1) LEONARD COHEN
You want it darker

[Columbia Records]

Ho passato una notte a decidere se veramente il disco di Cohen fosse il migliore di quest’anno. Il 2016 che sta per concludersi li lega indissolubilmente alla morte, ma alla fine il cantautore canadese si è guadagnato la prima posizione. Cohen è andato via lasciandoci un testamento dove la sua voce è al centro insieme alla sua spiritualità e a quel modo di fare musica cantautoriale unico, struggente e irripetibile.

 

The Other Side: Fontaines D.C. – ...

Anche nelle migliori famiglie come IFB ci sono pareri discordanti su certi dischi. Di solito ci fidiamo e accettiamo il verdetto del nostro ...

Wishlist: i dieci dischi più ...

Ogni mese escono valanghe di dischi. Pure troppi a volte. Starci dietro non è facile, nemmeno per noi. Così sulla nostra personale agenda ...

Oggi “The Suburbs” ...

Il terzo disco è spesso quello che indirizza il giudizio retrospettivo su tutte quelle band che hanno disgraziatamente avuto la sventura di ...

Oggi “Thirteen Tales From ...

Usciva esattamente vent’anni fa l’opera che, seppur per breve tempo, suggellò i Dandy Warhols tra i massimi alfieri dell’indie rock. ...

Oggi “Kaleidoscope” di ...

La diva oscura che ha ispirato e a sua volta si ispira alle dame sinistre del gotico, imprigionata però in contesti suburbani, allo scadere ...