rsz_gomma
 

GOMMA
Toska

[ V4V / Controcanti - 2017 ]
7
 
Genere: post punk, emo
Tags:
 
26 gennaio 2017
 

Il disco d’esordio dei casertani Matteo, Paolo, Giovanni e Ilaria al secolo Gomma, anticipato dai singoli “Aprile” e il delizioso “Sottovuoto” che hanno creato una buona dose di aspettative, è o sicuramente vorrebbe essere un ritratto generazionale.
Il dipinto di una generazione sull’orlo del pessimismo cosmico e dello spleen esistenziale, ma che invece di cadere nel burrone gli grida in faccia.
“Toska”, titolo della loro opera prima, in russo infatti è quella sensazione di grande angoscia spirituale, spesso senza una causa specifica; la nostalgia di qualcosa, senza sapere bene cosa; una vaga inquietudine e irrequietezza; un’agonia mentale; un tedioso male dell’anima.

Parole grandi e pesanti, che vengono sorprendentemente declinate in canzoni che escono dai canoni dell’indie sull’onda del successo contemporaneo, ma che si dispiegano su sfumature decisamente punk, a volte più emo come nel posto segreto di “Elefanti” e a volte quasi hard core.
Lo fanno con l’ingenua sfrontatezza di chi è alle prime e gagliarde armi, con la ruvida grandiosità di pensiero di chi si pone davanti enormi obiettivi da raggiungere. I Gomma sono ambiziosi, straripanti di energia e impegnati in una politica intesa come vicinanza alle persone, alla società che abitano.
Testi e suoni sono intransigenti e non fraintendibili, proprio come i teenager più veri. La musica, frutto dell’assorbimento quotidiano di Verdena, Van Pelt e Fine Before You Came in primis, è un incalzante tappeto sonoro per la voce di Ilaria, che regna sovrana. Presentano quella che sembra essere la storia di una ragazza, quella “Alice scopre” dell’epilogo che poi arrabbiata soffre per amore in “Aprile”, che scopre l’essenza dei rapporti in “Vicolo spino” (io lo so che hai paura del buio e ti stringo ma in realtà lo faccio per me, in realtà fa comodo a me) che urla i suoi sentimenti in “Toska”, che redarguisce in “Alessandro” e che chiude il cerchio narrativo con nel prologo “Alice capisce”. Ma è un po’ la storia di una fase della vita che tutti abbiamo attraversato, più o meno consapevolmente e complessamente.
Con un esordio alla massima potenza loro concessa che finisce con il colpire nel segno, i Gomma hanno ben chiara la direzione che vogliono prendere, e muovono i primi euforici e decisi passi su un sentiero che hanno ben delineato. Resta da vedere se e come riusciranno a continuare la loro scalata.

Tracklist
1. Alice Scopre
2. Aprile
3. Le Scarpe di Beethoven
4. Elefanti
5. Vicolo Spino
6. Arrendersi
7. Тоска (Toska)
8. Alessandro
9. Alice Capisce
 
 

Hurray For The Riff Raff – ...

Alynda Segarra, ormai da anni forza trainante degli Hurray For The Riff Raff, sa come…

The Jesus And Mary Chain – Damage ...

Rispuntano i fratelli parassiti di Glasgow ed è un “piccolo miracolo” secondo il minore dei…

Pete Doherty – Hamburg ...

Il solito bellissimo album di Pete Doherty. Non ci sarebbe nient’altro da aggiungere. “Hamburg Demonstrations”…

Flume – Skin Companion EP II

A distanza di poco tempo dall’uscita di “Skin”, album che seguiva il cospicuo successo dei…

The Necks – Unfold

Diciannovesimo disco per i The Necks, leggendaria assemble australiana che, attraverso una produzione ampia e…