PIER ALBERTO VALLI
Atlas

[ Ribèss Records - 2017 ]
8
 
Genere: Musica elettronica
 
13 Febbraio 2017
 

Diciamocelo subito: “Atlas” di Pier Alberto Valli è il disco che mancava nel panorama musicale italiano.
Perché? Perché di fronte alla standardizzazione di suoni e tematiche che ha colpito la musica prodotta nel nostro paese negli ultimi anni questo lavoro ha il coraggio di cercare di essere “altro”, discostandosi nettamente da tutto ciò che è di moda in questo momento entro i confini nazionali, risultando al tempo stesso attuale per quanto riguarda la ricerca sonora verso il quale il suo autore si spinge coraggiosamente.
Già nell’ultimo lavoro dei Santo Barbaro Pier Alberto aveva dimostrato di essere un autore di assoluto rilievo, dotato di qualità letterarie fuori dal comune, ulteriormente messe in mostra nel suo romanzo breve intitolato “Finché c’è vita” (Treditre Editori, 2015), di cui in un certo senso questo disco può rappresentare un’ideale prosecuzione in musica.

Quello che non troverete in “Atlas” è uno sguardo deferente verso il synth pop anni ottanta tanto in voga in questo momento, o al cantautorato da cameretta che sta riscuotendo tanto successo; in queste dieci tracce scoprirete un musicista capace di confrontarsi con l’elettronica contemporanea allo stesso modo in cui questa viene declinata da artisti come James Blake o Thom Yorke, la cui voce spesso viene qui evocata dal cantato tormentato di Pier Alberto.
Brani come “Frontiera” ed “Esodo” poi conoscono un crescendo ossessivo e inarrestabile che rimanda alle elucubrazioni sintetiche di alcuni episodi del Matt Elliott solista e dei suoi Third Eye Foundation, mentre un pianoforte dolente accompagna i restanti brani in scaletta, ben assecondato da un violino mai invadente, capace di richiamare le quattro corde Nickcaviane di Warren Ellis, tutto questo insieme ad un songwritig struggente e disincantato e all’interpretazione toccante del musicista romagnolo concorre alla creazione di un lavoro dall’elevato spessore artistico.

Proprio come Pier Alberto Valli ci invita a fare nel primo singolo estratto intitolato “Atlantide” dobbiamo immergerci in questo disco per poterne scoprire pienamente la bellezza, un’operazione questa che richiede coraggio e prontezza nel saperne afferrare la poesia, la quale dopo solo pochi ascolti sostituirà completamente l’ossigeno, permettendoci di respirare anche nelle misteriose profondità dove si celano le vestigia di antiche civiltà perdute nel tempo.

Tracklist
1. Atlantide
2. Falso ricordo
3. Frontiera
4. I nostri resti
5. Il rumore del tempo
6. Cosa rimane
7. La nona onda
8. Esodo
9. Non siamo Soli
10. L'avvento dei futuri
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Pale Blue Eyes – Souvenirs

Album di debutto per i Pale Blue Eyes band composta da tre elementi, i coniugi Matt e Lucy Board e il bassista Audrey Simpson, ragazzi che ...

Ozzy Osbourne – Patient ...

A fine febbraio 2020 – quindi pochissime settimane prima dell’inizio della pandemia, dei lockdown e delle varie sciagure che hanno ...

Pencey Sloe – Neglect

È un album tutto incentrato sul tema dell’identità quello che ci regalano i Pencey Sloe, band francese nata pochissimi anni fa ma già ...

Death Cab For Cutie – Asphalt ...

La pandemia ha rischiato di mettere in seria difficoltà i Death Cab For Cutie: Ben Gibbard, Nicholas Harmer, Jason McGerr, Dave Depper e ...

Recent Comments