GRANDADDY
Last Place

[ 30th Century Records - 2017 ]
7
 
Genere: Indie Rock
Tags:
 
13 marzo 2017
 

“Last Place” è il quinto album studio dei Grandaddy che tornano sulla scena discografica a cinque anni dalla reunion (2012) e a oltre dieci dal loro quarto disco, “Just Like The Fambly Cat (2006).

Il nuovo disco presentato con il singolo “Why we won’t”, prima traccia dell’album, e “Brush with the wild” che la segue piacevolmente, ci riconduce subito per ispirazione e tematiche a “The Sophtware Slump” forse il miglior album della band Californiana. Quindi c’è il ritorno su propri passi e soprattutto l’approccio low-fi e la spiccata capacità di scrivere brani power pop con tirate di synth coinvolgenti e potenti. Se con la buona partenza del disco vengono alla mente più lo scanzonato power-pop dei Weezer e Death Cab più che quello dei Pavement, “Last Place” entra in una dimensione malinconica, grigia ma mai scolorita e appannata. E forse qui c’è la vera riuscita del disco. Unire la componente punk pop con un indie rock che traballa e barcolla diventando un songwriting scarno ma intenso e a tratti anche struggente. Una svolta che si avverte con il brano “The Boat is in the Barn” dove è forte il richiamo al passato sonoro della band fatto di fascinose e dolceamare ballads che in fondo sono un pò la specialità della casa. Meno follia forse, meno cattiveria e se il pezzo psyco-punkettone “Check Injin” ci ridesta un attimo verso la fine del disco emerge il forte senso di Jason Lytle per il cantautorato.

Nonostante il forte ritorno a formule e soluzioni chitarristiche e ritmiche già presenti nei precedenti lavori, “Last Place” è davvero un buon disco, con un’identità tutta sua. Energico, quanto basta, dolciastro e soprattutto amaro; in”This is the Part” e i suoi archi c’è un’intensità incredibile. La chiusura seppur lenta è elegente e riflessiva. Due giocate di prestigio chiudono il disco “A lost Machine” e “Songbird Son”: provate a resistere al fascino di queste ballads contemporanee.

 

Tracklist
1. Way We Won’t
2. Brush With The Wild
3. Evermore
4. Oh She Deleter :(
5. The Boat Is In The Barn
6. Chek Injin
7. I Don’t Wanna Live Here Anymore
8 .That’s What You Get For Gettin’ Outta Bed
9. This Is The Part
10. Jed The 4th
11. A Lost Machine
12. Songbird Son
 
 

John Maus – Screen Memories

“Screen Memories” è un album pieno di presunti arrivi e richiami del tempo, John Maus ci porta alla ricerca di galassie ...

Stars – There Is No Love In ...

Quante grandi band indie rock ha sfornato il Canada nei primi anni Duemila? Troppe per elencarle tutte: oltre alle superstar Arcade Fire, ...

Softsurf – Into The Dream EP

Parlare dell’ EP d’esordio dei Softsurf potrebbe essere un buonissimo punto di partenza per esplorare tutto il mondo dello ...

Tom Rogerson with Brian Eno – ...

Due persone si incontrano in fila ad un concerto, per andare in bagno. Uno dei due è un pianista, Tom Rogerson, con studi classici alle ...

Xenoula – Xenoula

Xenoula, al secolo Romy Xeno, è un’artista in bilico tra due mondi. Nata e cresciuta in Sud Africa si è trasferita in Inghilterra ...