NUOVE POLEMICHE SU MORRISSEY: LA NUOVA T-SHIRT è RAZZISTA ?

 
Tags:
di
16 marzo 2017
 

Morrissey venderà una t-shirt razzsita perchè è un fottuto idiota

Non usa giri di parole FACT Mag per commentare l’ultima trovata di Moz.

In occasione del suo prossimo tour americano Morrissey venderà una nuova t-shirt che ritrae lo scrittore e attivista statunitense James Baldwin insieme ad un estratto del testo di “Unloveable” (brano degli Smiths del 1986) che recita I wear black on the outside/ ‘Cause black is how I feel on the inside.

Nonostante non sia un mistero l’apprezzamento dell’artista britannico nei confronti del novellista americano, Moz ne parla nella sua ultima autobiografia e spesso proietta video di Baldwin durante i suoi live, da più parti questa mossa è stata giudicata quanto meno controversa, in alcuni casi, razzista.

Cosa dovrebbe supportare questa t-shirt ? si chiede per esempio Consequence Of Sound.
Baldwin? Le persone di colore? Entrambi? Nessuno? …questa t-shirt sembra decisamente essere priva di tatto

…questa t-shirt è problematica chiosa invece Pitchfork

e ancora
la nuova t-shirt di Morrissey è una cattiva idea secondo SPIN

E mentre Morrissey torna nuovamente al centro dell’attenzione per motivi non-musicale noi recuperiamo e ascoltiamo l’unica cosa che ci piacerebbe ricordare di questa vicenda:

 

A ottobre esce un libro sui Phoenix

I multipli del 10 hanno un significato speciale per i francesi Phoenix. Nel 1989, trent’ anni fa, c’è stata la nascita come ...

Apollo 11: La TOP 10 dedicata alla ...

Riprendiamo da Wikipedia, che ci viene assolutamente in soccorso se dobbiamo essere chiari: “Apollo 11 fu la missione spaziale che ...

Ascolta “Songs From San Mateo ...

Adoriamo Tony Molina, per la sua verve melodica, per la sua capacità di mettere d’accordo i fan degli Weezer con quelli dei Teenage ...

I Replacements annunciano un nuovo ...

I Replacements annunciano un box set dedicato a “Don’t Tell a Soul” disco del 1989. La pubblicazione, 60 tracce divise tra 4 ...

Babybird – Photosynthesis

Non mi sembra strano definire Stephen Jones come una specie di Prince. E lo dico con tutto il rispetto (immenso) che ho per il genio di ...