THE JESUS AND MARY CHAIN – DAMAGE & JOY

[ ADA / Warner Music - 2017 ]
6.5
 
Genere: alternative-rock
 
17 marzo 2017
 

Rispuntano i fratelli parassiti di Glasgow ed è un “piccolo miracolo” secondo il minore dei due o una “cosa pazzesca” stando alle dichiarazioni del loro sempre esaltato produttore Alan McGee. C’è da augurarselo per due motivi fondamentali: perché il loro ultimo disco risale ad una generazione fa e perché un segno nella storia dopo il 1985, anno del loro esordio, non l’hanno più impresso. Quale sarà la nuova mossa?

In principio erano Velvet Underground e Joy Division che giocavano al rimpallo, usando partiture zeppe di muri sonori così alti e spessi da diventare labirinti, gli stessi tra i quali si sono persi. Ma nei casi in cui occorre un saggio di melodia, beh allora diventano intoccabili e vi filtrano perfettamente le loro voci.
Poi i tamburi sono diventati più fluidi ma non le chitarre dei Reid le cui corde sono ancora lamette elettrifiche. Invecchiando hanno ridotto i volumi delle loro chiome ma non hanno smesso di “guardarsi le scarpe” mentre impastano musiche non più a transistor e dai battiti meno accelerati. Sarà il vigore in fase calante. Paradossalmente non hanno mai voluto piegare la testa essendo degli antesignani, anche a costo di restare con l’acqua alla gola. È il dazio da pagare per il loro primo lavoro completo nel nuovo millennio. Non sono abituati a confrontarsi con nuove band dai vecchi suoni. Non sono delle vergini e non posseggono tante carte lanciare sul tavolo.

“Always Sad” è la prima pratica pubblica per il rilancio. I tamburi in partenza sono ben ovattati e la chitarra secca e stridente. A seguire una spessa base rock’n’roll tra B.R.M.C. e Strokes a ritmo regolare. Curioso che ci sia del “nuovo”, che si ritrovino accostati a formazioni contemporanee che nel cercare identità proprie devono essersi chiesti chi diavolo sono i Chain. “Amputation” è una gradevolissima cavalcata rock e un’ottima presentazione in ingresso. La voce è piuttosto fluida e sgraziata, adatta per intrufolarsi tra le pieghe dei riverberi che da sempre contraddistingue il DNA dei fratelli Reid. Quella voce prorompente del profondo nord che tanto ha pesato nella storia dell’indie britannico e che fa presa più chiaramente in “Black and Blues” o in “War On Peace”. È anzi il cardine di Damage & Joy, lo strumento migliore nelle mani della band per spiegare un passato soddisfacente e insoddisfatto.
La sensazione è quella di un bentornato a dei vecchi amici che non vedi da tempo e che tutto sommato trovi in forma. Inutile dire che la produzione è scarna, in linea con tutto ciò che è stato fatto in precedenza ma è abbastanza e va bene così. Potremmo farci promettere più coinvolgimento al prossimo appuntamento.

Tracklist
1. Amputation
2. War On Peace
3. All Things Pass
4. Always Sad
5. Song For A Secret
6. The Two Of Us
7. Los Feliz (Blues and Greens)
8. Mood Rider
9. Presidici (Et Chapaquiditch)
10. Get On Home
11. Facing Up To The Facts
12. Simian Split
13. Black And Blues
14. Can’t Stop The Rock
 
 

And So I Watch You From Afar ...

Quinto album per gli And So I Watch You From Afar e i ragazzi di Belfast cambiano le carte in tavola. Rory Friers, Johnny Adger, Chris Wee e ...

Metz – Strange Peace

Lo strano concetto di pace dei Metz passa attraverso gli undici brani grezzi e nervosi di questo nuovo album, il terzo dopo l’esordio ...

GodBlessComputer – Solchi

Siamo in un’epoca d’oro della musica italiana, chi si ostina a dire il contrario probabilmente non sente musica da parecchio. ...

Christoffer Franzen (of Lights ...

Christoffer Franzen è sempre lui, sia che scriva con il suo nome o che si firmi come Lights & Motion. Il suo stile è quello di un ...

Beck – Colors

Con Beck bisogna sempre chiedersi “dove eravamo rimasti?”, fare il punto della situazione con lui infatti non è mai facile: un giorno ...