SUN KIL MOON
Common As Light And Love As Red Valleys Of Blood

[ Caldo Verde - 2017 ]
4
 
Genere: Indie Rock
 
23 Marzo 2017
 

Ancora tu? Ma non dovevamo vederci più?
Puntuale come “Una poltrona per due” su Italia 1 a Natale arriva il disco annuale di Mark Kozelek, CALALARVOB (anche solo l’acronimo è inquietante e chilometrico) è il quarto lavoro ufficiale negli ultimi quattro anni dell’ex Red House Painters, ai quali però si devono aggiungere una mezza dozzina di live, ep, album natalizi, dischi di reading di fiabe africane(?), colonne sonore e quant’altro, un’ iperproduttività questa segno di una bulimia creativa che ha finito per prosciugare quella ritrovata ispirazione che aveva partorito il gigantesco “Benji” e il suo naturale e speculare seguito, quel “Universal Themes” dell’anno successivo.

Se la collaborazione con Jesu dello scorso anno poteva apparire come un tentativo di ampliare il proprio spettro espressivo (tentativo fallito, il povero Justin Broadrick è finito schiacciato dal prepotente ego di Crazy Koz), l’album in questione è il classico esempio di una personalità artisticamente deviata che ha rotto ogni argine e ogni remora, creando un lavoro che estremizza tutti quei difetti riconosciuti anche dal fan più accanito, il tutto riversato per giunta in un album doppio, come se Mark Kozelek volesse testare la pazienza del povero ascoltatore.

Come giudicare questo disco? Semplicemente per quello che è, l’ennesima infinita scheggia impazzita creata da un uomo per cui l’osservazione pleonastica del proprio quotidiano, arricchita dall’ossessione del particolare, è diventata il centro della propria arte: come il povero Philip Seymour Hoffman protagonista di “Synecdoche, New York”, Kozelek cerca di scrivere il grande romanzo della propria vita nell’atto stesso di viverla, fallendo però nell’esatto momento in cui non si rende conto che il compito dell’artista è quello di filtrare l’inutile se non si è capaci di renderlo quanto meno interessante.

Impossibile dare un voto a questo disco, così com’è difficile non solo arrivare alla fine dell’ascolto ma anche pensare di rimettere il disco nel lettore una seconda volta, e in chi vi scrive il sospetto che l’ obbiettivo dell’irascibile e forastico gigante proveniente dall’Ohio sia proprio questo si fa sempre più prepotentemente strada, diventando ormai quasi una certezza.

Tracklist
1. God Bless Ohio
2. Chili Lemon Peanuts
3. Philadelphia Cop
4. The Highway Song
5. Lone Star
6. Window Sash Weights
7. Sarah Lawrence College Song
8. Butch Lullaby
 
Cd2
 
1. Stranger Than Paradise
2. Early June Blues
3. Bergen To Trondheim
4. I Love Portugal
5. Bastille Day
6. Vague Rock Song
7.Seventies Tv Show Theme Song
8.I Love You Forever And Beyond Eternity
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Traams – Personal Best

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album. Una pausa davvero molto lunga considerato ...

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Recent Comments