L’ATTIMO FUGGENTE 20 MARZO 2017

 
24 Marzo 2017
 

01. Il Nostro Singolo della Settimana: Revolutionary Army Of The Infant Jesus – Thème De L’Homme Qui N’a Pas Cru En Lui-Même
02. Élan Vital – Albtraum
03. Kelly Lee Owens – Anxi. Feat. Jenny Hval
04. Jay Som – (BedHead)
05. The Jesus And Mary Chain – War On Peace
06. Stutter Steps – Floored
07. Secret Meadow – Vexation
08. Ghost Thoughts – It’s That Mouth
09. Molly Burch – I Love You Still
10. Angel Olsen – Who’s Sorry Now
11. Caroline Lazar – Nevermine
12. Fenne Lily – What’s Good
13. Pieta Brown – Street Tracker
14. Brigid Mae Power – I Don’t Know How To Do This Naturally
15. Moon Moon Moon – Disintegration Loop
16. Phantom Dog Beneath The Moon – King Rabbit Stalks Lowlight
17. Yorkston/Thorne/Khan – Bales
18. Jason Molina – Royko (unreleased)
19. Jake Xerxes Fussell – Jump For Joy
20. RM Hubbert – Happy Man
21. Toby Hay – Mayfair At Rhayader 1927
22. Seabuckthorn – Near Translucent
23. Il Nostro Bacio della Buonanotte: Tom Armostrong – White Pines

IL SINGOLO DELLA SETTIMANARevolutionary Army Of The Infant Jesus – Thème De L’Homme Qui N’a Pas Cru En Lui-Même:

raoij

Revolutionary Army Of The Infant Jesus

A due anni dal ritorno con il magnifico “Beauty Will Save The World”, primo album dopo 20 anni, l’etichetta inglese Occultation ristampa, per la prima volta anche su vinile, il secondo lavoro dei Revolutionary Army Of The Infant Jesus, “Mirror”, uscito originariamente nel 1991 solo su cd. In questo album la band di Liverpool, mescolando sapientemente bellezza e brutalità, scava in profondità nella cultura del vecchio continente e nelle sue radici musicali, letterarie e perfino spirituali. Campionamenti, field recordings, voci eteree, dialoghi tratti dal cinema sperimentale europeo, citazioni di poeti spagnoli medievali, trasmissioni di propaganda albanese e tedesco-orientali: sono tutti elementi che si fondono per dare vita a un suono unico e affascinante che si muove tra il folk apocalittico, la wave e il post punk. “Thème De L’Homme Qui N’a Pas Cru En Lui-Même”, il nostro nuovo (e atipico) singolo della settimana, sin dal titolo, richiama il cinema francese e la Nouvelle Vague e ci regala uno spaccato dell’eclettica poetica delle armate rivoluzionarie del bambin Gesù.

L’Attimo Fuggente è una trasmissione radiofonica in diretta, condotta da Francesco Amoroso e Raffaello Russo, che va in onda ogni lunedì, dalle 21:00 alle 23:00 su Radio Città Aperta in streaming (http://radiocittaperta.it/onair). Da oltre cinque anni, attraverso la radio e la propria pagina Facebook, grazie a rubriche, piccoli speciali e monografie in pillole, tantissime anteprime e novità, ma anche recuperi dal passato prossimo e remoto, coinvolgenti live acustici in studio, L’Attimo Fuggente tenta di dare assoluto ed esclusivo risalto alle emozioni nella musica. Le mode, i generi, il successo, vannepori di una nuova primavera.o e vengono, ma le emozioni che la musica riesce a regalare rimangono per sempre.

Parafrasando il protagonista dell’omonimo film degli anni novanta: Non ascoltiamo e suoniamo musica perché è carino: noi ascoltiamo e suoniamo musica perché siamo membri della razza umana; e la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento; ma la musica, la bellezza, il romanticismo, l’amore, sono queste le cose che ci tengono in vita.

 

Quando musica e malattia vanno a ...

La musica e la malattia. Un legame che non funziona solo come “medicina”, perché sulle proprietà curative e lenitive della ...

Oggi “Stato di ...

La fine millennio di Carmen Consoli è stata ricca di soddisfazioni. Una consacrazione per lei, che aveva provato invano a trovare spazio in ...

Oggi “Maxinquaye” di ...

“Lasciate che vi accompagni nei corridoi della mia vita”. Tricky, “Hell Is Round the Corner” Benvenuti nell’Inferno secondo Adrian ...

Oggi “High Voltage” ...

Visto che richiamiamo il 1975 e non il 1976, si fa riferimento all’originaria pubblicazione in Australia, seguita, nello stesso anno, ...

Oggi “Rock ‘n’ ...

Non dovrebbe destar sorpresa un album come “Rock ‘n’ Roll” nella carriera di John, ovvero un accorato tributo al fifties rock, ...