JULIE’S HAIRCUT
Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin

[ Rocket Recordings - 2017 ]
7
 
Genere: psichedelico
 
28 aprile 2017
 

Suoni ipnotici, storpiati, elettrizzati, mescolati. Volutamente psichedelici, rotatori, ritornanti.
Questo è lo stile Julie’s Haircut, gruppo emiliano che rappresenta in pratica un unicum nel panorama musicale italiano. Forse poco compresi, forse poco comprensibili, sta di fatto che sono sempre rimasti un caso più o meno a sé stante nelle loro scelte stilistiche. Ne è la prova la pubblicazione estera (con la britannica Rocket Recordings) del loro ultimo e settimo disco, “Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin”.

Scovare le canzoni dentro le improvvisazioni, questo è quello che i Julie’s Haircut fanno da qualche album a questa parte hanno fatto della ricerca e della sperimentazione il proprio costante baluardo. Ne è prova la costruzione dell’album, avvenuta proprio attraverso libere interpretazioni e cascate sonore successivamente rielaborate e assembrate.

“Zukunft”, futuro in tedesco, è il titolo della prima lunga traccia strumentale, un vortice al tempo stesso costante e imprevedibile, un vero acquazzone sonoro primaverile. Si crea così il clima perfetto per accedere al resto dell’album, si manifesta in modo chiaro l’esperienza, la via e le intenzioni dei cinque musicisti. Ne conseguono così l’inquietante “The Fire Sermon”, demonizzata dalle chitarre elettriche e dalla voce rielaborata e “Orpheus Rising” trascina fuori dalle fiamme infernali, dalle colate laviche improvvise, spiazzanti e sintetizzate. “Deluge”, “Salting Traces”, “Cycles”, il primo psichedelico singolo “Gathering Light” e l’ultima traccia “Koan” non fanno che confermare le peculiarità della band, al tempo stesso capace di essere tortuosa e avviluppante, gelida e incandescente, spiazzante ed estenuantemente ripetitiva.

Come l’ombra gemella della loro immagine di luce, la band esplora il proprio – e nostro – lato oscuro: reiterato, incantatore e in costante, psicotico contrasto.

Tracklist
1. Zukunft
2. The Fire Sermon
3. Orpheus Rising
4. Deluge
5. Salting Traces
6. Cycles
7. Gathering Light
8. Koan
 
 

Stuart A. Staples – ...

Mi innamorai dei Tindersticks un’estate di tanti anni fa, quando vidi la copertina di “Can our love” campeggiare su quella del ...

Magic Wands – Abrakadabra

Il duo Chris e Dexy Valentine, base a Los Angeles, torna con il terzo album “Abrakadabra”. Il primo lavoro “Aloha Moon” aveva ...

Simon Love – Sincerely, S. ...

Piacevole e scorrevole secondo album per il buon Simon Love, che esordiva nel 2015 con “It Seemed Like A Good Idea At The Time” ...

The National – Boxer Live in ...

Gli album dal vivo non sono tutti uguali. Alcuni servono a cristallizzare un momento importante, altri hanno la funzione di riportare ...

Kamasi Washington – Heaven ...

Parliamoci chiaro, non sono un esperto di jazz, certo ne ascolto ma non sono di sicuro un “cultore” del genere: non per questo mi sento ...