CARL BRAVE X FRANCO126
Polaroid

[ Bomba Dischi - 2017 ]
8.5
 
Genere: Rap, Pop
 
17 maggio 2017
 

Criticare e rimpiangere non sono verbi adatti a qualcuno che deve parlare di musica: l’imperativo è sempre stato, almeno per me, perdersi nella contemporaneità e trovare spesso delle perle musicali che meritano di essere raccontate.

“Polaroid” è la nuova uscita di Carl Brave x Franco126, duo che con questo lavoro si impone sulla scena rap-cantautoriale con la forza di una raffica di 10 brevi luci scintillanti che rappresentano uno scoppio di bellezza. Un abbraccio che si estende oltre la città raccontata dal disco, Roma, per cogliere l’essenza di una generazione perduta, che si spera troverà in questo lavoro una vera forza innovativa.

Dieci brani che offrono tanto, sia dal punto di vista artistico che emotivo, un racconto lo-fi di un’adolescenza passata tra desideri mancati e qualche rimpianto, raccontato con lucidità e poesia.
Tutto è molto essenziale, minimale, ma i quadri regalati sono ricchi e variopinti e si adagiano perfettamente su un malessere esistenziale spaventosamente attuale.
La loro ricerca, in particolare sui testi, è estremamente attenta. Roma sembra una descrizione della New York di Garcia Lorca: A river that sings and flows/past bedrooms in the boroughs— / and it’s money, cement, or wind / in New York’s counterfeit dawn (….) But I didn’t come to see the sky. Nemmeno loro sono qui per parlare del cielo, tutto in Polaroid è a misura d’uomo e ogni particolare è vero, Polaroid è uno spaccato, che ci piaccia o no, di realtà.

Non c’è alcuna teatralità forzata nelle loro parole, la musica diventa un modo per inserirsi in un palcoscenico ben più variegato, siamo dinanzi ad una commedia umana.

Etichettare come trap o rap tutto il loro lavoro sarebbe banale e sprovveduto: il disco è un mix di cantautorato vecchio e nuovo, di rap con accenni acustici, uno spazio dove anche una chitarra e un violoncello possono convivere su delle basi splendidamente semplici, che profumano di strade, di vicinato, di casa.
Questo disco odora di forno, di cornetto al cioccolato, di una bottega del pane sotto al Tevere che è sempre piena di gente quando fa buio. Ogni canzone diventa un piccolo centro di ritrovo di persone e emozioni, spesso anche di tristezze.
Non c’è nessuna profezia, solo il racconto del reale nell’album. La loro è una vocazione verso un’ineccepibile ricerca testuale che li ha portati ad essere contemporanei e profondi.
on c’è una sparatoria e nemmeno un pusher incazzato, in “Polaroid” si parla di me, di te (che spero stai ancora leggendo) e di una generazione Y che è reale e dietro questo disco costruirà sicuramente una nuova storia.

Per scoprire il disco, ancor più nel profondo, andate ad ascoltarlo. Basta leggere.

Tracklist
01. Solo Guai
02. Sempre In 2
03. Polaroid
04. Lucky Strike
05. Enjoy
06. Tararì Tararà
07. Per favore
08. Noccioline
09. Alla Tua
10. Pellaria
 
 

The World is a Beautiful Place ...

Un compito non facile, quello dei The World is a Beautiful Place & I am No Longer Afraid to Die: ridare credibilità e spessore ...

Sharon Jones & The Dap Kings ...

“You’ve got to make people feel the hurt and love in each song”. A dirlo era Sharon Jones, morta l’anno scorso dopo una lunga ...

The Zephyr Bones – Secret ...

Quale sarà il posto segreto di cui parlano i simpatici Zephyr Bones nel titolo del loro album? Io tranquillamente risponderei quello che ...

Submeet – Submeet EP

Cosa succede quando si unisce il revival post punk con il revival shoegaze? Forse la creazione perfetta che ne potrebbe nascere sono tre ...

Fever Ray – Plunge

E’ sempre stata enigmatica Karin Dreijer, ex voce dei The Knife che quando balla da sola, senza il fratello Olof, adotta il moniker Fever ...