desimone
 

ANDREA LASZLO DE SIMONE
Uomo Donna

[ 42 Records - 2017 ]
8.5
 
Genere: Cantautore
 
13 giugno 2017
 

Tutte le cose che sono, sono luce

Mi piace pensare di accostare una frase di un filosofo di secoli fa, Scoto Eriugena, ad un disco che illumina, e con il suo bagliore ha la capacità di avere infinite sfumature, colori, sapori. “Uomo Donna” di Andrea Laszlo De Simone è il prisma riflettente di questo 2017 e difficilmente altro potrà farmi cambiare idea.

Ogni suono, idea, incontro, persona, storia è perfettamente incastrata in un’altra che a sua volta si abbraccia, in un turbine di narrazioni che rivestono le lunghissime canzoni di un’ aurea quasi mistica.

Frank Zappa ha definito il giornalista musicale come: people who can’t write interviewing people who can’t talk for people who can’t read, le parole di quel fottuto genio le prendo e nel mio racconto di questo disco c’è poco di giornalistico e oggettivo. “Uomo Donna” è un flusso di pensieri, Andrea Laszlo De Simone è il Joyce della canzone italiana contemporanea. Nel suo suono recuperiamo i concetti di un Battisti sperimentatore, nell’uso dei cori e seconde voci c’è l’influenza di Dalla e nel contorno strumentale c’è un pochino di Franco Battiato.

Il modo di registrare è puramente anni ‘60-’70, i testi sono delle pennellate di classicismo e novità: i pezzi complessivamente sono delle vere meraviglie, la sensazione provata durante l’ascolto del disco è stata quella di trovarsi davanti ad una casa di campagna dove ogni tanto le luci si accendono e spengono e noi rimaniamo assorti da una danza che ci rende tanto estraniati quanto partecipi, e magari vogliosi di conoscere le storie degli abitanti della casa. Il disco è uno sguardo su amori, paure, donne e storie che spezza l’anima.

La sua poetica, perlomeno dal puro punto di vista estetico, mi sembra vicina a quella di Stan Brakhage, innovativo filmaker statunitense. L’ossessione del regista è tutta basata su una ricerca della luce, rintracciare un sforzo spasmodico di Laszlo per scoprire le sfumature delle canzoni, tocchi brevi di colore, accordi in secondo piano che rendono la cornice di un disco estremamente intensa.

Con “Vieni A Salvarmi” e “La Guerra dei Baci” l’hype è stato servito alcune settimane fa, oggi sappiamo che questo misterioso cantautore va oltre la semplice curiosità.

In due pezzi che incarnano le ecletticità e i numerosi spunti di Andrea sono rintracciabili in due pezzi: “Questo Non è Amore”, pezzo più breve o quasi del disco e “Sogno L’Amore”. Come vedete anche i titoli mostrano una certa classicità, ma “Uomo Donna” ci ricorda che quando classico, moderno, contemporaneo, obsoleto, necessario, amore e odio si incontrano tutto esplode in pura meraviglia.

 

Tracklist
1. Uomo Donna
2. Sogno l’amore
3. Vieni a salvarmi
4. Meglio
5. Solo un Uomo
6. Eterno Riposo
7. Questo non è Amore
8. Gli Uomini hanno fame
9. Che cosa
10. La Guerra dei Baci
11. Fiore mio
12. Sparite tutti
 
 

Ride – Weather Diaries

Proviamo a chiudere gli occhi ed ascoltare questo nuovo album dei Ride, che esce a…

Beach Fossils – Somersault

Ci sono diversi motivi per poter credere che “Somersault” rappresenti per i Beach Fossils un…

Algiers – The Underside Of ...

Cosa succede quando ti ritrovi dalla parte sbagliata, senza via d’uscita? Quando le gambe sono…

Hugo Race & Michelangelo Russo ...

Come ho già scritto in passato si fa davvero fatica a stare dietro a uno…

Black Lips – Satan’s ...

Trovare etichette o definizioni per la musica dei Black Lips non è mai stato facile.…