PHOENIX
Ti Amo

[ Atlantic - 2017 ]
8
 
Genere: Indie pop
Tags: ,
 
13 Giugno 2017
 

Un pavimento di cristallo su cui camminare, volteggiare e danzare ad un ritmo da discoteche anni ‘90 piene di tamarri, ecco cos’è “Ti Amo” dei Phoenix, un lavoro raro e divertente, una fuga pop allo scazzo quotidiano: ci ritroviamo anche noi con i tipi strani da discoteca pronti a ballare sull’impalcatura di cristallo, piena di ispirazioni italiane, del gruppo ormai giunto al suo sesto album.

“Ti Amo” è stato il pezzo che aveva presentato in un certo senso l’album e in quel prequel avevamo già assaggiato tutta l’italianità sciolta e condensata in un pezzo che nomina Sanremo, Battiato e Lucio, con un’atmosfera tipica da riviera romagnola. Nel pezzo si nasconde una storia d’amore tormentata che Mars, con la sua voce eterea, incarna alla perfezione.

Il disco è chiaramente, anche ispirandosi al clima da calzettoni bianchi e gelato in mano, spensierato e pieno di luci stroboscopiche, ma in “Role Model” non manca anche una nota di malinconia: pezzo chiave che si abbandona a sintetizzatori e melodie circolari che creano una sorta di risposta intrinseca a questo clima da Italia ‘90.

Logicamente un disco del genere divide, ma personalmente sono poco interessato a chi incolpa Mars e gli altri di aver costruito una pura operazione estiva: chi parla in questi termini non capisce la ricerca del gruppo in questo calderone del trash che rimane un pezzo di realtà bella da raccontare, e tutta da sentire. E comunque devo ancora scoprire il malanno, denunciato da alcuni, nel fare album di qualità e da spiaggia allo stesso momento.

L’atmosfera del disco e dell’italianità è tutta in Telefono, pezzo bellissimo e veramente da pre-festa liceale nelle palestre buie: amori in attesa e amori in potenza si perdono nell’aria di “Ti Amo”.
36 minuti che comunque mi hanno spaccato in due dalla malinconia e nostalgia, ma in modo costruttivo: ci si sente tutti più vecchi, anche se in realtà sono un giovane mandrillo, e tutto prende una forma profumata e ricca di colori.

Mi ritrovo a danzare su un pavimento di cristallo, ora che ballano tutti, non ho nemmeno più paura di cadere.

Tracklist
1. J-Boy
2. Ti Amo
3. Tuttifrutti
4. Fior Di Latte
5. Lovelife
6. Goodbye Soleil
7. Fleur De Lys
8. Role Model
9. Via Veneto
10. Telefono
 
 

Lee Ranaldo & Raül Refree ...

Se non mi credete aprite Google Maps e cercate la città di Winnipeg, nello stato del Manitoba, in Canada; leggete i nomi delle sue strade: ...

Ozzy Osbourne – Ordinary Man

Dieci anni dopo l’ultima uscita solista, il Principe delle Tenebre riemerge dalle ceneri degli ormai definitivamente defunti Black Sabbath ...

SQÜRL – Some Music For Robby ...

Jim Jarmusch e il fido compagno di scorribande sonore, il producer e compositore Carter Logan, tornano a imbracciare gli strumenti sotto la ...

Stone Temple Pilots – Perdida

No, non ci siamo, non ci siamo proprio. Stavolta i fratelli De Leo l’hanno combinata davvero grossa, l’iconica band di San ...

Peggy Sue – Vices

Sono passati ben sei anni da “Choir Of Echoes”, il terzo album delle Peggy Sue, ma ora le ragazze di stanza a Londra gli anno finalmente ...