belt
 

CHASTITY BELT – I USED TO SPEND SO MUCH TIME ALONE

[ Hardly Art - 2017 ]
7
 
Genere: post rock, dream pop
 
12 luglio 2017
 

L’attacco di “I Used To Spend So Much Time Alone” è come l’inizio di un viaggio all’alba di un mattino terso e frizzante. Il ritmo di “Different Now” che incalza gentilmente sulla chitarra cristallina sembra dire Sali a bordo e lasciati andare lungo la strada che si srotola all’orizzonte. Un viaggio nello spazio e anche nel tempo, indietro in quegli anni in cui il grunge non era solo una camicia sgarrupata di flanella ma un filtro per guardare il mondo stretto in una morsa mercificatrice. Anche se il grunge che nasceva nello stato di Washington, lo stesso luogo di provenienza delle quattro ragazze, di cristallino aveva molto poco. A distanza di una generazione, le Chastity Belt ne hanno ereditato la tendenza al nichilismo gambizzante (I’m not ok, I want to complain, in “Complain”) ma si sono salvate grazie al dream pop (I wanna have some self control, I wanna be sincere, “Used To Spend”). Il tributo alla vecchia guardia della scena di Seattle è dichiarato nel video di “Different Now”, ispirato a quello di “Hunger Strike” dei Temple of the Dog.

Ma allargando lo sguardo, in un ideale albero genealogico le Chastity Belt potrebbero posizionarsi come nipoti dei Cure, amanti di Elliott Smith, cugine dei contemporanei Wild Nothing e Deerhunter. Dagli esordi, cinque anni fa, attraverso le canzoni hanno perseguito il superamento degli stereotipi di genere senza bisogno di sottotitoli (“Giant Vagina”), con un atteggiamento soft punk ironico e mai veramente distruttivo (“Healthy Punk”). E sono cresciute, raffinando il suono e l’immaginario, mettendo radici in un terreno che rispecchia pienamente quest’epoca così piena di chiaroscuri. L’atteggiamento riot e i vagheggiamenti shoegaze hanno lasciato maggiore spazio alla riflessione. Un album da considerarsi forse ancora sperimentale nella ricerca di un’identità ma che certamente dà buoni segnali di coerenza e carattere.

Tracklist
1. Different Now
2. Caught in a Lie
3. This Time of Night
4. Stuck
5. Complain
6. It's Obvious
7. What the Hell
8. Something Else
9. Used to Spend
10. 5am
11. Don't Worry
12. Bender
13. I'm Fine
 
 

Toro Y Moi – Boo Boo

L’album minimale di Toro Y Moy è la nuova fatica di uno degli artisti più…

Haim – Something To Tell You

Non potevano scegliere miglior data di pubblicazione per il loro ritorno sulle scene, le Haim.…

Burial – Subtemple/Beachfires

È trascorso un decennio dal suo ultimo long-playing, ma non si può accusare Burial di…

Japanese Breakfast – Soft ...

Michelle Zauner, ex leader dei Little Big League, dà vita al progetto solista chiamato Japanese…

Ralegh Long – Upwards of ...

Ralegh Long nel suo nuovo lavoro è una zia a cui vuoi anche piuttosto bene…