FOREST SWORDS
Compassion

[ Ninja Tune - 2017 ]
7
 
Genere: elettronica
 
14 luglio 2017
 

A distanza di quattro anni dopo il debutto con “Engravings”, l’inglese Matthew Barnes alias Forest Swords ritorna con un secondo full-lenght di elettronica introspettiva e dalle tinte cupe, stavolta con il grande salto, su Ninja Tune. Il marchio di fabbrica del producer britannico, ammirato durante i recenti capitoli della sua carriera, sembra dispiegarsi in una direzione ancora più nettamente dark e destrutturata, orientata ad assemblare arrangiamenti digitali ad elementi reali ed organici. Vocal ed effetti sonori cangianti incastonati in uno scheletro drone e accelerazionista, trame da soundtrack movie e piglio surrealista: tutto ciò che può colpire, in un momento in cui la musica elettronica ha bisogno di nuove idee, sembra trovare nella scrittura di Compassion uno sbocco sensibile.

Le influenze della collaborazione con Massive Attack, per la colonna sonora del videogame Assassin’s Creed: Rogue e il cortometraggio La Fête est Finie, sembrano notarsi tutte nel processo di realizzazione del nuovo album: fattori sintetici e concreti si fondono, sia nei sample che negli elementi processati da strumenti veri, disegnando quel modernismo alla base della ricerca dell’artista di Liverpool. Il futuro, osservato con la tensione e l’asfissiante pulsazione drammatica dei dieci brani dell’LP, sono lo specchio della società che Barnes ha voluto rappresentare, cercando costantemente l’intreccio tra reale ed artificiale, proprio come la comunicazione dei nostri giorni.

Il singolo di lancio “Panic” possiede percussioni e ritmiche africane, ma con una marcata struttura da club. Allo stesso modo “The Highest Flood” e “Raw Language”, irradiate da fattori sonori orchestrali come piano ed archi, si miscelano nel valzer dei toni sperimentali e assuefatti dal linguaggio distopico della computer music del nuovo millennio. “Raw It” e “Knife Edge”, nel complesso denotano un tentativo di disegnare nuove traiettorie ambient di stampo futuristico, denotando ancora una volta una sensibile ricerca e comprensione della mistificazione di un concetto di genere.

Forest Swords ha immaginato un piccolo microcosmo di sensazioni elettroniche, fondendo estro concettuale a obiettivi narrativi di un suono mai domo, originale e accattivante. Se l’esordio ci aveva stupito per fattori di estrema validità di produzione, in “Compassion” la continuità procede per trame ed idee ancora più profondamente impegnative, oltre il suono.

Tracklist
1. War It
2. The Highest Flood
3. Panic
4. Exalter
5. Border Margin Barrier
6. Arms Out
7. Vandalism
8. Sjurvival
9. Raw Language
10. Knife Edge
 
 

The World is a Beautiful Place ...

Un compito non facile, quello dei The World is a Beautiful Place & I am No Longer Afraid to Die: ridare credibilità e spessore ...

Sharon Jones & The Dap Kings ...

“You’ve got to make people feel the hurt and love in each song”. A dirlo era Sharon Jones, morta l’anno scorso dopo una lunga ...

The Zephyr Bones – Secret ...

Quale sarà il posto segreto di cui parlano i simpatici Zephyr Bones nel titolo del loro album? Io tranquillamente risponderei quello che ...

Submeet – Submeet EP

di Gioele Maiorca Cosa succede quando si unisce il revival post punk con il revival shoegaze? Forse la creazione perfetta che ne potrebbe ...

Fever Ray – Plunge

E’ sempre stata enigmatica Karin Dreijer, ex voce dei The Knife che quando balla da sola, senza il fratello Olof, adotta il moniker Fever ...