JEFF TWEEDY
Together At Last

[ dBpm Records - 2017 ]
7
 
Genere: songwriting
 
17 luglio 2017
 

Jeff Tweedy traccia una nuova strada. Anzi, ne ritraccia una già percorsa colorandola di atmosfere diverse.
Primo di una serie di dischi incisi nel suo studio di Chicago e dedicati alla sua vita di cantautore, “Together at last” riporta nell’intimità autoriale del leader dei Wilco, un’intimità che non , si era raggiunta neppure in “Sukierae”, il disco inciso con il figlio.
“Finalmente insieme” – come dice il titolo –, finalmente solo in studio, finalmente solo con il suo ascoltatore, proprio come quando gira per teatri in religiosi concerti in solitaria.
E quindi al bando l’alt rock, il country rivisitato, le sperimentazioni collettive e lo sperimentalismo che hanno reso magica e attraente la musica dei Wilco: in questo disco ci si ferma sulla soglia, ci si siede sulla sedia a dondolo sotto il portico e si pizzicano le corde di una chitarra.

Più che una strada dunque forse è un sentiero silenzioso, fatto di tanti piccoli sassolini: non sappiamo bene dove vada, e neppure perché, ma non siamo ancora sicuri che ci interessi saperlo, per ora vogliamo solo goderci il panorama nel percorrerlo a occhi chiusi.
Forse ci sta portando verso la sua casa, dentro i suoi pensieri, come sembra cantarci nella prima traccia “Via Chicago”, tratta dall’ album “Summerteeth” del 1999, dove dell’originale non restano altro che morbidi suoni di chitarra uniti alla melodia di un’armonica a bocca.
La successiva “Laminated Cat”è invece una delle due tracce senza etichetta Wilco, ma che comunque proviene da uno dei suoi progetti musicali: il pezzo dei Loose Fur è reso molto bene nella semplicità dell’arrangiamento acustico. L’altra cover del disco è “Lost Love”, dei Colden Smog: qui Tweedy coglie l’amore senza parafrasarlo, cerca di radunarlo all’ombra della sua voce. “E’ solo una questione di tempo, non dovremmo prendere tutto così duramente”, ci ammonisce con la grazia del vero predicatore.
Voce e chitarra, semplici accordi, ogni brano riportato allo stato primordiale come in una sorta di ritorno a un cantico delle origini: da “Ashes of American Flags” a “I’m Always in Love”, i pezzi della band si frantumano e si riducono a morbide schegge di suono. La fischiettante “Hummingbird” e “I Am Trying to Break Your Hearth” sono forse i due brani più riusciti in questa nuova e spoglia cornice melodica data ad alcuni dei più bei brani del repertorio di gruppo.

Ci vuole coraggio, a sedersi su uno sgabello e ad abbandonarsi fiduciosi alla propria voce, alle proprie parole e alle proprie dita che pizzicano corde con dolcezza.
Ci vuole bravura, e quella a Jeff non manca certo, e anche gusto musicale, come ha dimostrato ad esempio nella selezione dei pezzi che compongono l’album.

Resta però una sensazione di sospeso, come se ci volesse – o se ci avesse portato ad aspettare – qualcosa di altro, di oltre, di più. Come se l’amaca dove ci stava cullando alla fine fosse un po’ stretta, o un po’ scomoda, e ci facesse venire voglia di provarne una nuova, pur non togliendo nulla alla sua intrinseca e potente validità.
“Together at last” è un disco, ma poteva – o forse doveva – rimanere un concerto, conservarsi più puro, perfetto per la rarità della suo accadere, magico per la sua singolarità.

Tracklist
1. Via Chicago
2. Laminated Cat
3. Lost Love
4. Muzzle of Bees
5. Ashes of American Flags
6. Dawned on Me
7. In a Future Age
8. I’m Trying to Break Your Heart
9. Hummingbird
10. I’m Always in Love
11. Sky Blue Sky
 
 

Death Cab For Cutie – The ...

I Death Cab For Cutie hanno pubblicato sei EP nella loro ormai lunga carriera. Un buon modo per riunire sotto lo stesso tetto versioni ...

Clairo – Immunity

Clairo è un altro tassello che è parte di una wave di nuove viralità e innovative forme artistiche che vanno oltre i singoli e la musica ...

Ezra Furman – Twelve Nudes

A distanza di un anno e mezzo dal precedente ottimo lavoro “Transangelic Exodus”  ritorna Ezra Furman, e lo fa con un album diverso, ...

The S.L.P. – The S.L.P.

“Mi sento come avessi visto la Terra dallo spazio”, dice il buon Pizzorno, deus ex machina dei Kasabian alla sua prima ...

Thee Oh Sees – Face Stabber

Prima di partire per questa recensione vi consiglio caldamente di leggere quelle dei loro album precedenti “Smote Reverse” e ...