LORDE
Melodrama

[ Lava / Republic - 2017 ]
8
 
Genere: Synth Pop
Tags: ,
 
29 luglio 2017
 

Dopo il battesimo di fuoco con “Pure Heroine”, datato settembre 2013, Ella Yelich-O’Connor in arte Lorde è tornata con il secondo album. La giovane neozelandese aveva ricevuto un’accoglienza di critica pressoché unanime, incoronata come una delle voci più interessanti e game-changer della nostra decade. Il crossover soul, hip-hop ed elettronico, governato da una suadente ed inconfondibile tonalità vocale, è diventato nel giro di poco tempo un marchio di fabbrica, che sembra destinato a proseguire con sorprendenti, nuovi, contorni.

L’incalzante contrasto tra dolce e graffiante che ha animato Lorde nella sua già avviata carriera fa breccia anche in “Melodrama”, atto successivo a più di tre anni ricchi di collaborazioni, con un variegato ventaglio di artisti internazionali, da Stromae a Son Lux e Disclosure. Le ispirazioni dichiarate della sua nuova creatura sono David Bowie, Paul Simon, Phil Collins, Joni Mitchell, mentre la composizione attraversa dei precisi indirizzi di contemporaneo, tutti ricongiungili ad una scuola di pensiero, ma sotto diverse vesti.

Le influenze di “Pure Heroine” sono ravvisabili a più riprese, specie in “Sober” e “Sober II (Melodramma)”, caratterizzate da quel pop futuristico, a tratti catartico, portato su livelli versatili e ambiziosi. L’electro-pop di “Green Light” e “Hard Feelings” concentra tutte le caratteristiche di Frank Dukes, vincitore di Grammy Awards e mente dietro diversi altri progetti di successo nel panorama musicale a stelle e strisce. C’è ancora una calda spinta club-oriented, in “Homemade Dynamite”, “Supercut” e “Perfect Places”, mentre in “Le Louvre” il genio creativo di Flume è un perfect match già ammirato nel remix di “Tennis Court”, brano del precedente album.

E infine c’è anche tempo per delicate ballate, “Liability” e “Writer In The Dark” sono il manifesto delle intenzioni del disco: la società odierna, la nuova generazione, il tempo dei cambiamenti e delle evoluzioni repentine. Melodramma, che Lorde inscena come la trama di una storia d’amore lunga un party, è un album ricco di ciò che un’artista di questo calibro dovrebbe ricercare. La chiave, risiede nell’estrema capacità della ventenne neozelandese di possedere già le doti di una navigata paladina del pop che verrà. Per questo e molto altro, il suo rimarrà certamente uno degli highlits del 2017.

Tracklist
1. Green Light
2. Sober
3. Homemade Dynamite
4. The Louvre
5. Liability
6. Hard Feelings/Loveless
7. Sober II (Melodrama)
8. Writer In the Dark
9. Supercut
10. Liability (Reprise)
11. Perfect Places
 
 

Melanie De Biasio – Lilies

Presentando il disco nuovo, la stessa De Biasio aveva parlato di un disco contemporaneamente luminoso eppure oscuro. Ma quello che più ...

Nordgarden – Changes

Ritornato da pochi giorni con un LP di materiale inedito dopo sei anni dall’uscita di “You Gotta Get Ready”, Terje Nordgarden non è, ...

The Rasmus – Dark Matters

Tra il dire e il fare questi finlandesi sono già arrivati al nono album (il primo “Peep”, risale al 1996). Certo, il loro ...

The Districts – Popular ...

Il terzo “full length” degli statunitensi The District arriva nel 2017 via Fat Possum Records. I quattro ragazzi di Lititz, piccola ...

Ducktails – Jersey Devil

Ahi, qualcosa stavolta non funziona. Matthew Mondanile era atteso a dimostrare che il divorzio dai Real Estate aveva comunque avuto positive ...