MOGWAI
Every Country’s Sun

[ Rock Action – 2017 ]
8
 
Genere: Post Rock
Tags:
 
29 agosto 2017
 

Buone nuove dall’universo Mogwai. Gli architetti sonori di Glasgow, ormai arrivati all’album numero nove senza contare colonne sonore e divertissement vari, tornano a collaborare con il produttore Dave Fridmann, già al loro fianco in “Come On Die Young” e “ ROCK ACTION”. “Every Country’s Sun” (chiamato così per prendere bonariamente in giro un amico e la sua scarsa conoscenza del sistema solare) è stato presentato con un concerto “segreto” al Primavera Sound ed è un distillato sapiente di ciò che i Mogwai sanno fare e hanno fatto, con qualche piccola sorpresa. Un disco che nasconde al suo interno undici pianeti-canzone in moto costante e perpetuo, supernove, ammassi stellari, buchi neri e altre astronomiche amenità musicali.

E’ una forza di gravità instabile ma resistente quella che lega i tanti pezzi del mondo Mogwai, dopo l’uscita dal gruppo dello storico chitarrista John Cummings due anni fa. Chissà forse stanchi del pianeta Terra dopo aver raccontato la tragedia della bomba in “Atomic” e il riscaldamento globale partecipando alla colonna sonora di “Before The Flood”, Stuart Braithwaite, Dominic Aitchison, Martin Bulloch e Barry Burns hanno deciso di traslocare altrove con note e pensieri. Mescolando sapientemente influenze diverse come e più che in passato: elettronica, sintetizzatori, le tanto vituperate atmosfere post rock che spesso sconfinano nella precisione del math rock, l’etereo minimalismo di “aka 47”, l’esplosività di “20 Size”, l’aggressività rock di “Battered At The Scramble”, “Old Poisons” e “Every Country’s Sun”, un briciolo di psichedelia merito anche della mano di Fridmann (che oltre ai Mogwai ha prodotto anche Flaming Lips e Mercury Rev).

A colpire però sono soprattutto le pulsazioni ibride di “Coolverine” (supereroe sui generis) le dolci armonie vocali di “1000 Foot Face” (che è un po’ la sorella gemella di quella “What Are They Doing In Heaven Today?” che abbelliva la colonna sonora di “Les Revenants”) l’intensità crescente di “Don’t Believe The Fife” e una “Party In The Dark” cantata da Stuart Braithwaite (già questa è una notizia) che è probabilmente il momento più diabolicamente e melodicamente (art) pop mai costruito dai Mogwai. Una band che dopo ventidue anni di onorata carriera non ha necessità di fare rivoluzioni musicali e non deve dimostrare più nulla a nessuno.

Tracklist
1. Coolverine
2. Party In The Dark
3. Brain Sweeties
4. Crossing The Road Material
5. aka 47
6. 20 Size
7. 1000 Foot Face
8. Don’t Believe The Fife
9. Battered At The Scramble
10. Old Poisons
11. Every Country’s Sun

 
 

Gruff Rhys – Pang!

Gruff Rhys ama cambiare, stupire. Difficile trovare un filo conduttore nell’ormai lunga carriera solista del frontman dei Super Furry ...

Lana Del Rey – Norman Fucking ...

Ogni volta che Lana Del Rey pubblica un album il dibattito tra estimatori e detrattori della musica di Elizabeth Grant diventa sempre più ...

Kazu Makino – Adult Baby

Siamo abituati a sentire la voce eterea di Kazu Makino nei Blonde Redhead a fianco dei gemelli Simone e Amedeo Pace, ma ora Kazu ha deciso ...

Frankie Cosmos – Close It ...

Sempre molto prolifica la giovane Greta Kline, titolare del progetto Frankie Cosmos: dopo un anno e mezzo dal precedente “Vessel”, ...

The Futureheads – Powers

Aspetti positivi: i ritorni sono sempre graditi. Specie se le cose che più si ricordano negli ultimi anni circa la band di Sunderland sono ...