BLANKENBERGE
Radiogaze

[ Elusive Sound - 2017 ]
8
 
Genere: Shoegaze
Tags:
 
11 settembre 2017
 

Viene dalla lontana San Pietroburgo (patria anche degli ottimi Pinkshinyultrablast), nella Russia Nord-Occidentale (anche se la nascita ufficiale del quintetto, nel 2015, è da ricondurre a un piccola cittadina siberiana, ovvero Barnaul), questa formazione che aveva già ottimamente fatto parlare di sé con l’omonimo EP d’esordio, datato 2016.

Cerchiamo di essere chiari e diretti. Il primo album dei Blankenberge, “Radiohaze”, è un disco shoegaze. Magnifico. Punto. “Radiogaze” è uno di quei lavori che ci dimostrano come questo genere non solo sia attivo, ma che attraversi anche una favolosa fase di magia compositiva ed emozionale. Difficile usare le parole giuste per descrivere un simile incanto: provate a chiudere gli occhi, immaginandovi in un viaggio sonico, realmente catartico e sublime, con la speranza di non arrivare mai alla fine per non interrompere un vera e propria magia ammaliante. Mai come in questo caso la metafora del viaggio ci può venire utile.

Potremmo citare gli Slowdive come punto di riferimento maggiore per la formazione russa, ma faremmo un torto se ci fermassimo qui, perché in realtà sono ben visibili e udibili echi più post-rock di formazioni come Explosions In The Sky, Sigur Ros e sopratutto i primissimi Mogwai, ma in realtà qui tutta la scuola anni ’90 è conosciuta alla perfezione, emergendo in piccoli dettagli, come ad esempio la batteria di “So Cold” che rimanda agli Adorable di un brano come “Radio Days”. La cosa che più incanta è la capacità assoluta e ipnotica di creare l’estasi dal riverbero e dal fragore più imponente (la voce di Yana che mitiga l’ambiente è qualcosa che da i brividi), come la miglior tradizione del genere insegna, certo, ma qui è fatta con dei toni così vibranti e spontanei che nell’ascoltatore si genera empatia immediata, mentre lo spazio e i confini intorno a noi scompaiono, dilatandosi all’infinito. Granitici e poi dolcemente pulsanti in “Somewhere Between”, come vento ricco d’impeto e mare in tempesta in “Out Loud”, ma anche eterei e carezzevoli come labbra vellutate che ci sfiorano in sogno nell’incantevole “Not Enough” e, addirittura, su sentieri quasi pop in “We”, in cui sembra di ascoltare il potenziale nuovo singolo dei Night Flowers, se avessero deciso di potenziare al massimo il feedback.

Stavate già facendo la lista dei dischi dell’anno in ambito shoegaze? Bene, fermatevi: i Blankenberge non possono mancare e la posizione sarà molto alta.

Tracklist
1. Disappear
2. Somewhere Between
3. Out Loud
4. Falling Stars
5. So Cold
6. Radiogaze
7. When
8. We
9. Not Enough
10. Hopeless
 
 

Kamasi Washington – Heaven ...

Parliamoci chiaro, non sono un esperto di jazz, certo ne ascolto ma non sono di sicuro un “cultore” del genere: non per questo mi sento ...

Mecna – Blue Karaoke

Un disco per domarli, un disco per trovarli, Un disco per ghermirli e nel Blue Karaoke incatenarli. La poesia dell’anello riadattata al ...

Dirty Projectors – Lamp Lit ...

Il 2017 è stato probabilmente l’anno più difficile della carriera dei Dirty Projectors. Reduci da due album (“Bitte Orca” e “Swing ...

Bulldada – What a Bunch of ...

Avete presente la parola “Capolavoro”? Ecco molto spesso la si usa in contesti assolutamente insensati (come ad esempio “Mhh Ah Ah ...

The Vines – In Miracle Land

Con l’avvento del nuovo secolo, decine e decine di band nascevano con l’ondata cd. “new rock revolution” ed andavano ...