STARSAILOR
All This Life

[ Cooking Vinyl UK - 2017 ]
6.5
 
Genere: pop-rock
Tags:
 
15 settembre 2017
 

Cosa aspettarsi dai redivivi Starsailor? Francamente nulla di nuovo. Partire da questo concetto non è sminuire la band, ma anzi, è porre le basi per un ascolto sereno, in cui trovare, ancora una volta, i punti cardine di un gruppo al solito posto, proprio quello in cui si voleva che fossero. Certo, ogni tanto qualche “occhio della tigre” appare,  un po’ più grintoso rispetto al lontano e glorioso (in termini di vendite) passato (quello di “Silence Is Easy”, tanto per intendersi), ma alla fine sempre li si va a finire con gli Starsailor, in un onesto pop-rock radiofonico che a tratti fa venire il lacrimone (“Sunday Best”), a tratti non ci convince del tutto (“Take a Little Time”) e in alcuni frangenti ti fa anche sorridere e vedere un cielo senza nuvole, vista l’immediatezza e la semplicità della proposta (“Best Of Me”).

I riferimenti sono quelli di sempre quindi, state tranquilli, ci sono le ballate (sempre le cose migliori nel loro caso), ci sono gli archi, c’è il romanticismo sofferto, c’è quel pizzico di folk, pure i corettoni gospel, ogni tanto si alzano un po’ i giri del motore e del dinamismo per non assopirci troppo (“Listen To Your Heart” è una partenza carichissima) e c’è pure Richard McNamara degli Embrace che produce e ci mette lo zampino in qualche brano. Cercate qualcos’altro? Bah, a dire il vero si vorrebbe qualche melodia più incisiva e non canzoni che, in qualche caso,  sembrano uscire dal manuale del “come fare un brano discreto in 5 minuti”. Eppure non me la sento di bocciare gli Starsailor, perché il loro onesto compitino lo portano a casa, seppure senza grandi innovazioni, colpi di genio o singoloni da brivido e, francamente, anche un disco come questo, che non entrerà negli annali della musica, ci potrà andare bene per svariati ascolti senza pretese.

Tracklist
1. Listen To Your Heart
2. All This Life
3. Take A Little Time
4. Caught In The Middle
5. Sunday Best
6. Blood
7. Best Of Me
8. Break The Cycle
9. Fallout
10. FIA (F**k It All)
11. No One Else
 
 

Kamasi Washington – Heaven ...

Parliamoci chiaro, non sono un esperto di jazz, certo ne ascolto ma non sono di sicuro un “cultore” del genere: non per questo mi sento ...

Mecna – Blue Karaoke

Un disco per domarli, un disco per trovarli, Un disco per ghermirli e nel Blue Karaoke incatenarli. La poesia dell’anello riadattata al ...

Dirty Projectors – Lamp Lit ...

Il 2017 è stato probabilmente l’anno più difficile della carriera dei Dirty Projectors. Reduci da due album (“Bitte Orca” e “Swing ...

Bulldada – What a Bunch of ...

Avete presente la parola “Capolavoro”? Ecco molto spesso la si usa in contesti assolutamente insensati (come ad esempio “Mhh Ah Ah ...

The Vines – In Miracle Land

Con l’avvento del nuovo secolo, decine e decine di band nascevano con l’ondata cd. “new rock revolution” ed andavano ...