TIM ARNOLD
I Am For You

[ TA Music - 2017 ]
7
 
Genere: Pop-rock
 
18 Settembre 2017
 

E’ un veterano del pop-rock made in Uk il buon Tim Arnold, ma con la V maiuscola, perché il suo curriculum non si può assolutamente discutere. Artista a tutto tondo, impegnato tanto quanto come musicista così come “attivista” (se ci passate il termine) nel progetto ‘Save Soho’, da anni in prima linea per ridare lustro e importanza al noto quartiere londinese.

E’ facile perdere il conto quando si fa l’elenco dei suoi album: siamo intorno alla quindicina nel giro di una ventina d’anni, considerando che il suo esordio ufficiale fu nel 1997, giovanissimo, con i Jocasta, rock band britannica che pubblicò un solo album, ristampato proprio pochi mesi fa. Di Tim potremmo citare il fatto di essere vegetariano, di amare l’arte, di avere una naturale predilezione per gli arrangiamenti d’archi  tanto quanto per le opere e la poetica di Shakespeare, le sue battaglie sociali, una partecipazione a The Voice UK e, naturalmente, i dischi, che abbracciano sonorità alquanto diverse, passando da suggestioni classiche a frangenti più rock.

Il suo ultimo lavoro s’intitola “I Am For You” e potrebbe benissimo essere un buon punto di partenza per chi non lo conoscesse, in quanto si tratta di un disco molto immediato e di facile lettura, non banale, attenzione, ma sicuramente capace di generare facilmente empatia nell’ascoltatore alla ricerca di raffinate composizioni pop-rock arrangiate con gusto e precisione. I punti cardine del nostro sono pienamente rispettati e visibili: grandissima cura per la melodia e i già citati arrangiamenti che impreziosiscono quasi tutti i brani, alcuni davvero degni di nota, come “Love Will Not Hurt”, la beatlesiana “Anybody’s Guess” o la toccante “I Am For You”. Si maschera il lato rock del nostro, almeno in questo disco, che spesso, per lo più in ballate sempre ben calibrate e capaci di non sconfinare mai nel patetico o in romanticismo da 4 soldi, vede dialogare la voce con una chitarra acustica, un piano e gli archi (“Won’f Fail You”).

E’ un disco sull’amore. Si. L’ennesimo disco sull’amore, certo, ma non per questo da scartare a priori, anzi. Mettete alla prova Tim Arnold, non vi deluderà.

Tracklist
1. Mother's Intuition
2. Love Will Not Hurt
3. Anybody's Guess
4. I Am For You
5. Crying Colours
6. 365 Days Of Love
7. Won't Fail You
8. I Know By Heart
9. Paris
10. Change
11. Love Locked
12. What Love Would Want
 
 

Ministry – Moral Hygiene

Non so dire se sia appetibile perpetrare l’ennesimo rituale di espiazione dei mali della società capitalistica, di un’amara e ...

Low Hummer – Modern Tricks ...

Album di debutto per la promettente band di Hull, città portuale dello Yorkshire e che in molti ricordano per quel “London 0 Hull ...

Porches – All Day Gentle ...

Quinto album per Aaron Maine e il suo progetto Porches, a poco più di un anno di distanza da “Ricky Music”. La pandemia ha cambiato il ...

Lil Wayne, Rich The Kid – ...

Allievo e maestro a confronto. Due stili e due backgrounds in fondo ben distinti ma al tempo stesso così simili e strettamente connessi. ...

Sam Fender – Seventeen Going ...

Dopo i missili ipersonici dell’esordio, è tempo della seconda prova per Sam Fender, giovane inglese che in poco tempo ha attirato ...