KOMMODE
Analog Dance Music

[ Brilliance - 2017 ]
7.5
 
Genere: soft rock
 
2 ottobre 2017
 

L’estate sta finendo, come cantavano i mai troppo celebrati Righeira, ma se volete guardare con un pizzico di nostalgia alle spiagge e ai tramonti in cui il sole si perdeva nel mare, beh, è il momento di usare come colonna sonora il delizioso album dei Kommode, formazione guidata dal pacato Eirik Glambek Bøe, ovvero il 50% dei Kings Of Convenience. Mentre l’altra metà, l’occhialone Erlend Øye, se ne sta in preda a fascinazioni italiche, il più bello del duo gioca con ritmi morbidi, vellutati e sorride con noi fin dal titolo, in cui la parola “dance” potrebbe, fin da subito, farci immaginare una pista da ballo in cui scatenarsi, sbagliato.

Non che non ci sia da ballare, intendiamoci, basso e batteria a tratti incalzano piacevolmente e questo suono senza spigoli, ma carezzevole e zuccheroso, sa prenderci e farci muovere senza che nemmeno ce ne rendiamo conto, ma è come se se il movimento scaturisse dai nostri ricordi, dal piacere che ci da il ripensare a un certo momento, non tanto dalla musica in sé (squisita, lo ripetiamo), che serve però come vero catalizzatore e come scintilla per accendere la nostra rielaborazione, per farci stare bene e per farci muovere. “Analog Dance Music” è una vera e propria benzina alla nostra voglia di serenità e forse anche di sano ordine, come s’intuisce dalla copertina. Tutt’altro che uno scherzo questa sensibilità votata all’ottimismo e al prendere il giusto tempo per noi, sopratutto oggi.

Gentili arrangiamenti di fiati (“I Feel Free” su tutte) che si sposano alla perfezione in soffici andamenti pop mai acuti o dai toni fastidiosi, con gustose punte di funk e qualche piccola variazione sul tema come il piano di “Lady-Logic”, canzone che profuma anche del gusto della band madre di Eirik, in qualche accenno delle chitarre, ma non è l’unica canzone in cui le chitarre dimostrano di conoscere alla perfezione la materia pop (“Agent” ad esempio). La cura dei suoni è davvero elevata e la voce carezzevole del nostro serve da collante magico.

Non ce ne voglia il caro Erlend Øye, ma questo disco del suo compagno d’avventure Eirik cancella e sorpassa qualitativamente tutte le sue uscite non in duo. 2-0 e palla al centro caro Erlend.

Tracklist
1. Shoes
2. Captain of Your Sinking Ship
3. Lady-Logic
4. Fight Or Flight Or Dance All Night
5. The Ink In The Great Book Of Music
6. Not The Bigger Picture
7. Agent
8. Houses For Birds
9. I Feel Free
10. Come On, Sense!
 
 

Gruff Rhys – Pang!

Gruff Rhys ama cambiare, stupire. Difficile trovare un filo conduttore nell’ormai lunga carriera solista del frontman dei Super Furry ...

Lana Del Rey – Norman Fucking ...

Ogni volta che Lana Del Rey pubblica un album il dibattito tra estimatori e detrattori della musica di Elizabeth Grant diventa sempre più ...

Kazu Makino – Adult Baby

Siamo abituati a sentire la voce eterea di Kazu Makino nei Blonde Redhead a fianco dei gemelli Simone e Amedeo Pace, ma ora Kazu ha deciso ...

Frankie Cosmos – Close It ...

Sempre molto prolifica la giovane Greta Kline, titolare del progetto Frankie Cosmos: dopo un anno e mezzo dal precedente “Vessel”, ...

The Futureheads – Powers

Aspetti positivi: i ritorni sono sempre graditi. Specie se le cose che più si ricordano negli ultimi anni circa la band di Sunderland sono ...