OGGI “ORACULAR SPECTACULAR” DEGLI MGMT COMPIE 10 ANNI

 
Tags: ,
di
2 ottobre 2017
 

This is our decision: to live fast and die young
We’ve got the vision, now let’s have some fun

Esattamente 10 anni fa gli MGMT pubblicavano, in versione digitale su Red Ink, “Oracular Spectacular”.
La svolta per il duo del Connecticut arriverà però solo pochi mesi dopo, esattamente dal 22 gennaio 2008 in poi, quando una lungimirante Columbia decise di rendere disponibile al di fuori del minuscolo circuito underground questo sorprendente disco di debutto finanziandone la versione fisica.

Con la distribuzione più capillare di cd e vinili per gli MGMT inizia la cavalcata inarrestabile verso la notorietà e con singoli ‘dinamitardi’ come “Time to Pretend”, “Electric Feel” e “Kids” a fare da triano era difficile immaginarsi il contrario.

Nominato ai Brit Awards 2009 come “Miglior album internazionale”, premiato “Album dell’anno 2008” da NME, inserito dal Rolling Stone nella lista dei “500 dischi più grandi di tutti i tempi” (posizione 494) “Oracular Spectular” è la tipica partenza con il botto, il primo entusiasmante capitolo musicale di una delle band più apprezzate dei nostri tempi.

Quasi un decennio fa vi raccontavamo questo album con la recensione di Giuseppe Joses Ferraro:

La vita può essere un bicchiere di liquore lasciato a marcire per molti anni. Poi arriva qualcuno disperatamente assetato, che senza far domande se lo beve tutto d’un fiato. Barcolla, forse piange, singhiozza, volteggia furioso, risorge. Con quell’aria da sopravvissuti che ne scolpisce movenze e visi delicati, Andrew VonWyngarden e Ben Goldwasser si sono abbeverati avidi, attaccandosi a quel bicchiere che per troppa pudicizia abbiamo osservato senza far niente.

Vite da rockstar spinte oltre il limite di qualsiasi tossicità, carne precaria, modelle amate e dimenticate un istante dopo, polmoni bruciati come anime che s’agitano inquiete, ma che sventolano solo la voglia di uno gesto di comprensione. Il rock’n’roll come viaggio in prima classe per l’autodistruzione ma senza ammirazione, solo uno sguardo malinconico verso una giovinezza forsennata: questo, forse, il senso straordinario di “Time To Pretend”, canzone simbolo che ha lanciato i Management, duo americano di Brooklyn. La definizione più bella per loro musica se la sono data loro stessi: ‘future seventies’. Una strabiliante mescolanza di elettro-pop psichedelico con incisioni di folk alterato à la Flaming Lips brucia letteralmete i solchi di questo disco.

Canzoni devastanti cui vanno aggiunti testi di una forza visionaria fuori del comune; versi a tratti profetici, potenti come una poesia di Ginsberg, rivestiti di una luce sacrale, cantati con voce salmodiate, sono la ciliegina sulla torta. “Oracular Spectacular” è un contenitore di stili e generi, laddove si passa da un’attitudine da club in stile Klaxons, a ballate travolgenti intrise di nostalgia, per approdare a veri e propri inni sorretti da un synth geniale. Arcade Fire, David Bowie, Jim Morrisson, Of Montreal, Bee Gees, atteggiamenti glamour, melodie pop, scorrono tra le vene di un album che svetta solitario se paragonato banalmente a dischi che spopolano tra gli indie-dancers.

Ma alla fine ciò che conta sono le canzoni: e quando scrivi pezzi come “Pieces Of What”, “Time To Pretend”, “The Youth” e “Kids” vuol dire che hai gran talento e ottimo gusto. E non a caso il loro produttore è un certo Dave Fridmann, inventore di suoni e atmosfere per Mercury Rev (dei quali è stato anche il bassista, ndr.) e Flaming Lips, il quale ha donato all’album un senso di magniloquente spettacolarità, tra impeti barocchi, ariosi cambi di campo e luccicanti distorsioni ritmiche.
Al prossimo giro di bevute gli MGMT hanno un cicchetto già pagato.

MGMT – “ORACULAR SPECTACULAR″
Data di pubblicazione: 2 ottobre 2007
Tracce: 10
Durata: 40:18
Etichetta: Columbia, RED Ink
Produttore: Dave Fridmann

Tracklist:
1. Time To Pretend
2. Weekend Wars
3. The Youth
4. Electric Feel
5. Kids 6. 4th Dimensional Transition
7. Pieces of What
8. Of Moons, Birds & Monsters
9. The Handshake
10. Future Reflections

 

Oggi “The Who Sell Out” dei Who ...

Nel 1967 la Summer of Love travolse la controcultura statunitense. Un messaggio di pace, amore e armonia si alzò dalle strade di ...

L’Attimo Fuggente 4 Dicembre ...

01. 5×7: Julius Way – Star Run 02. 5×7: Benjamin Francis Leftwich – Because Of Toledo 03. 5×7: BigBee Of The ...

L’Attimo Fuggente 27 Novembre ...

01. 5×7: Rosemary & Garlic – Take This Hand 02. 5×7: Chantal Acda – You Live Inside My Heart 03. 5×7: Cosmo Sheldrake ...

L’Attimo Fuggente 20 Novembre ...

01. 5×7: Patrick Watson – Broken 02. 5×7: Hannah Cameron – Just Leave Me Here 03. 5×7: S. Carey – ...

L’Attimo Fuggente 13 Novembre ...

01. 5×7: Will Driving West – Kids 02. 5×7: Marlon Williams – Nobody Gets What They Want Anymore (feat. Aldous Harding) ...