CHELSEA WOLFE
Hiss Spun

[ Sargent House - 2017 ]
8.5
 
Genere: songwriting, dark
 
4 Ottobre 2017
 

Chelsea Wolfe continua il suo viaggio negli abissi con il nuovo album “Hiss Spun”, quinto episodio di una carriera in costante crescita. La cantautrice californiana – da quasi un decennio indiscussa regina gotica del rock – cede definitivamente al lato oscuro e dà vita al suo lavoro più maturo e duro. Dietro la svolta metal c’è sicuramente lo zampino del produttore Kurt Ballou che, oltre a essere il chitarrista dei Converge, in passato è stato dietro al mixer con band non proprio “soft” come The Dillinger Escape Plan, High On Fire, Today Is The Day e Kvelertak. Grazie alla sua guida esperta e all’aiuto fornito da alcuni ospiti di primo livello (Troy Van Leeuwen dei Queens of the Stone Age e Aaron Turner, ex Isis), Chelsea Wolfe affronta i suoi demoni in dodici brani in bilico tra l’inferno di una musica heavy estremamente cupa e il paradiso della sua incredibile voce, fragile ed espressiva come non mai.

Il folk e la darkwave degli album precedenti cedono il passo a un lugubre impasto tra noise rock, doom e sludge metal. L’elettronica, che pure aveva ricoperto un ruolo centrale nell’ottimo “Abyss” del 2015, qui riesce a raggiungere il centro della scena solo in un paio di episodi puramente industrial (“Offering” e “Welt”). Il resto lo fanno tutto chitarra, basso e batteria: si passa dal lugubre stoner rock dell’apripista “Spun” al post metal melodico del singolo “16 Psyche”, dal furioso mix tra Portishead e Neurosis in “Vex” (le parti cantate in growl sono di Aaron Turner) all’apocalittica lentezza doom della catartica “The Culling”. Le canzoni di “Hiss Spun” sono avvolte in un pesante mantello di oscurità e disperazione; solo la voce di Chelsea Wolfe riesce a portare un po’ di luce, grazie a una delicatezza e un’intensità quasi unica nel suo genere: ascoltare la ballata dark “Twin Fawn” e l’inquietante folk di “Two Spirit” per credere. Se “Static Hum” è un crepuscolare omaggio post-grunge agli ingiustamente dimenticati Failure di “Fantastic Planet” e “Particle Flux” un rumoroso esperimento new wave, nella “dronica” e conclusiva “Scrape” emergono palesemente le influenze di due frontwomen tanto diverse quanto talentuose come PJ Harvey e Julie Christmas (l’anno scorso in compagnia dei Cult of Luna nel bellissimo “Mariner”).

“Hiss Spun” non delude le aspettative – già molto alte dopo la grande prova di due anni fa con “Abyss” – e ci consegna un’autrice al massimo dell’ispirazione. In pochi al giorno d’oggi cantano l’oscurità come Chelsea Wolfe, la migliore anima dark di questo 2017.

Photo: John Crawford

Tracklist
1. Spun
2. 16 Psyche
3. Vex
4. Strain
5. The Culling
6. Particle Flux
7. Twin Fawn
8. Offering
9. Static Hum
10. Welt
11. Two Spirit
12. Scrape
 
 

Hum – Inlet

Dalle radici di puro shoegaze sono rispuntati dopo ben ventidue anni gli statunitensi Hum. La band di Champaign, Illinois, si presenta a ...

Pure Bathing Culture – ...

E’ sempre un piacere ritrovare i Pure Bathing Culture, sopratutto quando lo stato di forma pare buono. Non ci sono particolari novità ...

Japandroids – Massey Fucking ...

Brian King e David Prowse sono animali da palco, ognuno a modo proprio: il primo suda come fosse una sessione di CrossFit ad alta ...

Nadine Shah – Kitchen Sink

Tre anni dopo “Holiday Destination” torna Nadine Shah con un disco conturbante, diverso da quanto fatto in passato anche se non certo ...

Pottery – Welcome To ...

Ci fanno assaggiare il loro valore i Pottery che questo weekend hanno pubblicato il loro debutto full-length, in arrivo a distanza di un ...