FLORIST
If Blue Could Be Happiness

[ Double Double Whammy - 2017 ]
7.5
 
Genere: indie-pop, indie-folk
Tags:
 
4 Ottobre 2017
 

Secondo episodio sulla lunga distanza per questi ragazzi provenienti dalle suggestive Catskill Mountains nello stato di New York, ma ormai residenti già da qualche anno a Brooklyn.

Dopo che il loro primo LP, “The Birds Outside Sang”, realizzato all’inizio del 2016 per la deliziosa etichetta indipendente di Philadelphia e Boston Double Double Whammy, ci aveva fatto innamorare completamente di questo progetto di amicizia tra Emily, Rick, Jonnie e Felix (così è scritto sulla loro pagina Facebook), eravamo curiosi di ascoltare questo sophomore.
No, non abbiamo dubbi ad ammettere che, sin dal primo ascolto di questi nuovi 35 minuti di musica, abbiamo ritrovato ancora una volta la deliziosa poesia di Emily e ciò non puo’ che farci molto piacere.

Siamo davanti a canzoni indie-pop, pure, contemplative, calme, cristalline, sincere, come le liriche scritte dalla giovane ragazza statunitense: forse i Florist non effettuano cambi troppo evidenti rispetto al primo lavoro, ma la bellezza anche in questo caso sta proprio nella semplicità dei dieci brani presenti in questa nuova fatica. Non si vuole mai forzare, il ritmo è basso, il tono riflessivo, la dolcezza dei vocals di Emily entra nella mente appena si ascolta la prima canzone (ciò vale per qualsiasi canzone della loro pur breve discografia): i temi come la natura e la sua relazione con la morte non sono certamente i più allegri, ma i quattro ragazzi nativi delle Catskill Mountains sanno coinvolgerci con il loro tocco leggero, ci sanno emozionare, ci assorbono completamente, vanno a colpire il cuore e vi riescono a entrare subito. Canzoni come le splendide “The Fear Of Losing This” e la title-track “If Blue Could Be Happiness”, solo per citarne un paio, sanno coinvolgere immediatamente l’ascoltatore con il loro senso di nostalgia.

Come detto, la strumentazione è basilare (chitarra, batteria, piano, fiati qua e là), ma è ancora una volta la voce della Sprague, inizialmente la sola titolare del progetto, a svolgere un ruolo centrale ed è quella che vi saprà scaldare nel prossimo freddo inverno, se solo vorrete darle una possibilità. Noi crediamo che la meriti.

Tracklist
1. Blue Mountain Road
2. What I Wanted To Hold
3. The Fear Of Losing This
4. Understanding Light
5. Eyes In The Sun
6. Glowing Brightly
7. Thank You Light
8. If Blue Could Be Happiness
9. Instrumental 3
10. Red Bird
 
 

A Girl Called Eddy – Been ...

Beh, ma chi lo avrebbe mai detto? Avere fra le mani una nuova uscita a nome A Girl Called Eddy…giuro non ci speravo più. Ma, come ...

Field Music – Making A New ...

Settimo disco per Peter e David Brewis questa volta in formazione allargata e in missione per conto dell’ Imperial War Museum, fondato ...

Subsonica – Microchip ...

di Cassandra Enriquez Ci eravamo quasi abituati a questa assenza dei Subsonica, da sempre iper produttivi e onnipresenti, ma da quattro anni ...

Bombay Bicycle Club – ...

Far parte di una band non è poi così diverso dall’avere una storia d’amore. Di quelle forti, fatte di passione, condivisione e, a ...

Joe D. Palma – Tutto Ok.

di Cassandra Enriquez Dopo l’EP di debutto nel 2017, due anni di tour in giro per l’Italia, condendo il tutto con aperture per Frah ...